Pulse 2015: al via la quarta edizione del Minifestival di Led X

  • Dove
    Link, Ex Forno del Pane
    Indirizzo non disponibile
  • Quando
    Dal 13/03/2015 al 14/03/2015
    0:0
  • Prezzo
    Prezzo non disponibile
  • Altre Informazioni
    Sito web
    bo.it

Il Pulse e la techno, mente e cuore, corpo e anima. La quarta edizione del minifestival di Led X (Link Electronic Department) si sviluppa attorno al genere musicale che continua a fare di Bologna una piccola Berlino, raggruppando in tre serate e altrettanti luoghi cittadini alcuni dei migliori progetti techno - e house - internazionali: Marcel Dettmann, Milton Bradley, San Proper, Robert Crash, Nightdrivers e Battista.

Si parte il venerdì 13 marzo all'Ex Forno del Pane, il bar del MAMbo, con San Proper e Robert Crash. Il primo dj e produttore olandese di Rush Hour fra i più rappresentativi della scena dance di Amsterdam. Attivo da più di 15 anni, San Proper è uno dei pochi in grado di fondere architetture house e disco a ritmiche techno e melodie afro. Vanta pubblicazioni, oltre che su Rush Hour, anche su Perlon e Dekmantel. Robert Crash (aka Fran Mela) è uno dei nomi nuovi dell'elettronica italiana. Grande estimatore della vecchia scuola e fondatore insieme a Marcello Napoletano dell'etichetta "Fottute Registrazioni", si è fatto apprezzare soprattutto per il suo disco sull'americana Dog In The Night, "Under Party", un mix di sonorità calde fra synth minimali, ritmi da Detroit 80 e bassi fangosi.

Cuore e apice dell'evento è certamente la MDR Nacht di sabato 14 marzo al Link. Un party dedicato all'etichetta di Marcel Dettmann (MDR), condottiero di una notte che lo vedrà protagonista accanto a Milton Bradley, compagno di squadra alla MDR. Insieme a loro, in sala superiore, anche gli italiani Nightdrivers e Battista.

Marcel Dettmann è lo spirito sacro della techno berlinese che vive nel tempio magico del Berghain. Nel venerato club di Friedrichshain lui ha lasciato il segno forse più di chiunque altro, diventando oggi sinonimo di uno stile asciutto e minimale che detta le regole in tutto il mondo. Dalla consolle del Berghain Marcel Dettmann ha forgiato un suono e una visione che non possono prescindere da parole come profondità, ipnosi, tensione e potenza. Ha voluto rompere le regole del presente senza dimenticare il passato, concentrando la sua attenzione sui particolari e sulle sfumature e versando olio di Chicago e di Detroit nel motore marchiato Ostgut Ton, l'etichetta del Berghain che l'ha lanciato nei migliori club d'Europa e alla quale stasera dedica il proprio viaggio ricco di vertigini sonore. La sua MDR (Marcel Dettmann Records) è solo un ulteriore tassello del suo glorioso percorso, un luogo dove confluiscono amici e producer che condividono il suo stesso credo.

Uno di questi è Milton Bradley, una sorta di outsider della scena, per il suo stile fuori dagli schemi. Droni dark sperimentali, suoni industrial e accenni di acid '80 caratterizzano la sua idea di techno, rendendo i suoi set un'esperienza quasi cinematica. Con le sue uscite su Do Not Resist The Beat!, K209 e Grounded Theory ha scritto alcune fra le pagine migliori della storia della techno berlinese.

Infine, i Nightdrivers, moniker dietro i quali si cela il nuovo progetto congiunto di stilosissima garage-house curato da Mass Prod e Niccolò Rufus per Bosconi Rec, e Battista, dj di base a Berlino fondatore di Uaudio Records e di Sperimentazioni Sonore.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di , potrebbe interessarti

I più visti

  • "Chagall. Sogno d’amore": la mostra a Palazzo Albergati

    • dal 20 settembre 2019 al 1 marzo 2020
    • Palazzo Albergati
  • "Le colline fuori della porta": passeggiate ed escursioni per i colli bolognesi

    • Gratis
    • dal 24 marzo al 17 novembre 2019
    • Vari luoghi
  • Cioccoshow 2019: torna la festa del cioccolato a Bologna

    • Gratis
    • dal 21 al 24 novembre 2019
    • Piazza XX Settembre
  • "Anthropocene": mostra multidisciplinare sull’impatto dell’uomo sul pianeta

    • Gratis
    • dal 16 maggio 2019 al 5 gennaio 2020
    • Fondazione MAST
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    BolognaToday è in caricamento