Da tutta Europa a Bologna per studiare il business nella sfida ai cambiamenti climatici

100 studenti europei arriveranno a Bologna dal 2 al 9 agosto per completare la prima summer school internazione sui cambiamenti climatici organizzata dal programma europeo Climate-KIC, di cui Aster, consorzio regionale per l’innovazione e la ricerca industriale, è partner.

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BolognaToday

Dal 2 al 9 agosto 100 studenti universitari europei si riuniranno a Bologna per l'ultima delle 5 settimane di scuola estiva organizzata da Climate Kic http://www.climate-kic.org/), la principale iniziativa di innovazione climatica dell'Unione Europea. La settimana bolognese, organizzata da Aster (http://www.aster.it/tiki-index.php) - consorzio regionale per l'innovazione e la ricerca industriale - in collaborazione con Università, Comune di Bologna e ER.GO, sarà dedicata alla definizione e alla discussione delle business idea elaborate dagli studenti durante le 4 settimane di lavoro precedenti; una giuria di esperti valuterà i business plan elaborati e i pitch.

I 300 studenti, suddivisi in 6 gruppi di lavoro, ciascuno dei quali si sposterà in 3 paesi dell'unione, stanno attualmente frequentando le prime settimane formative sui cambiamenti climatici con lezioni di esperti internazionali e stanno visitando aziende leader e start up per conoscere da vicino le opportunità commerciali, derivanti dalle sfide portate dai cambiamenti climatici.

Gli studenti che partecipano al Journey sono selezionati in base al loro curriculum e alla motivazione, sono in possesso almeno della laurea triennale in diverse discipline, sia tecnico-scientifiche sia umanistiche.

Climate-KIC è la principale iniziativa di innovazione climatica della UE. È il più grande partenariato europeo tra pubblico e privato per l'innovazione, incentrato sulla mitigazione e l'adattamento ai cambiamenti climatici. Climate-KIC è costituito da aziende, istituzioni accademiche e settore pubblico.

L'organizzazione ha sede a Londra, nel Regno Unito, e utilizza i suoi centri in tutta Europa per sostenere le start-up, per cercare partner su progetti di innovazione e per formare gli studenti, al fine di realizzare una trasformazione creativa e connessa delle conoscenze e delle idee in prodotti e servizi che aiutino a mitigare e ad adattarsi ai cambiamenti climatici.

Climate-KIC è una delle Comunità di Conoscenza e Innovazione (CCI, o KIC in inglese) create nel 2010 dall'Istituto Europeo di Innovazione e Tecnologia (EIT), l'organismo dell'Unione europea incaricato di creare una crescita sostenibile in Europa cercando di affrontare al contempo le sfide globali del nostro tempo.

http://www.climate-kic.org/press-releases/climate-innovation-initiative-to-scale-up-efforts-throughout-2014-receives-e63m-eu-boost/

ASTER, il consorzio regionale per l'innovazione è sede del RIC - Regional Innovation Centre dell'Emilia-Romagna, e coordina le attività dei partner regionali della Climate Kic sulle tematiche dell'innovazione nel settore dello sviluppo sostenibile.

Oltre ad Aster, fanno parte del partenariato: AESS (Agenzia per l'energia e lo sviluppo sostenibile di Modena), ARPA (Agenzia regionale per la prevenzione e l'ambiente dell'Emilia-Romagna), CCPB ( Controllo e certificazione), CMCC ( Centro Euro-Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici), Comune di Bologna, CNR-IBIMET (Istituto di biometeorologia), ICIE (Istituto Cooperativo per l'Innovazione), IREN Energie Rinnovabili. MEEO (Meteorological Environmental Earth Observation), TRE (Tozzi Renewable Energy), Università di Bologna, Proambiente.

Informazioni su http://www.climate-kic.org/Journey2014

Torna su
BolognaToday è in caricamento