La città passante. Spazi e storie di Galleria Cavour

  • Dove
    Galleria Cavour
    Via Farini
  • Quando
    Dal 01/02/2019 al 17/02/2019
    venerdì 1 e domenica 3 febbraio ore 10-20, in visione fino al 17 febbraio 2019 sabato 2 febbraio Art City White Night ore 10-24
  • Prezzo
    Gratis
  • Altre Informazioni

In occasione di ART CITY Bologna, Galleria Cavour celebra i suoi primi 60 anni con una grande Mostra dedicata allo storico complesso edilizio. In esposizione ci saranno non solo i progetti, ma anche numerose immagini storiche che narrano l’avvicendarsi delle varie epoche in questo contesto prestigioso.

La città passante. Spazi e storie di Galleria Cavour - a cura dell’architetto Daniele Vincenzi-Camere Sonore e promossa dalle due proprietà, Pizzighini e Sassoli de’ Bianchi, con il contributo di Banca Generali- è il primo degli eventi previsti in questo anno di celebrazioni.

Galleria Cavour nasce da un prestigioso progetto, di cui la Mostra <La città passante. Spazi e storie di Galleria Cavour> - a cura dell’architetto Daniele Vincenzi-Camere Sonore e promossa dalle due proprietà, Pizzighini Benelli e Sassoli de’ Bianchi, con il contributo di Banca Generali - intende riportare alla luce le linee guida e narrare. La Mostra gode del patrocinio del Comune e dell’Ordine degli Architetti di Bologna, e del contributo di numerosi fondi archivistici (Genus Bononiae - Biblioteca San Giorgio in Poggiale, Archivio Storico Regione ER, Archivio di Stato di Roma, Camera di Commercio di Bologna, Ordine Architetti Bologna- Archivio Storico. Foto Archivio Paolo Ferrari e Archivio Storico Fotografico Walter Breveglieri).

Il complesso edilizio di Galleria Cavour sorge nel pieno centro storico della città di Bologna, frutto di un vasto e delicato intervento di ricostruzione post bellica avviato nel 1949 e completato nel 1961. Il 29 gennaio 1944, una bomba devasta l’Archiginnasio e il contesto edilizio della futura Galleria. A partire dalla ricostruzione degli anni ’50, questo complesso edilizio è ravvisabile come un singolare ‘laboratorio urbano’, da osservare sotto vari profili: l’approccio progettuale, la dinamica urbana e sociale, la storia di costume locale e l’inesauribile rapporto tra antico e moderno.

L’intero progetto nacque dall’intuizione dell’ingegner Giorgio Pizzighini, uno dei progettisti del Piano Regolatore Clandestino elaborato in piena guerra. Fu lo stesso Pizzighini a coinvolgere la famiglia Sassoli de’ Bianchi, che decise di creare il ‘passaggio’ attraverso Palazzo Vassè (a testimonianza è tuttora visibile una delle colonne, elemento strutturale, del palazzo) fino a Piazza Cavour, con l’obiettivo di conferire alla Galleria l’attuale respiro. Uno dei propositi del progetto, infatti, era quello di collegare i passaggi tra le piazze Maggiore, Galvani, Minghetti e Cavour.

Il progetto della parte Sassoli de’ Bianchi fu realizzato dall’architetto milanese Guglielmo Ulrich.

Le immagini della Mostra: le foto delle boutique, dei personaggi e i disegni progettuali.

<La città passante. Spazi e storie di Galleria Cavour> viene allestita lungo l’intera passeggiata della Galleria e presenta anche un ricco materiale iconografico e di testimonianze appartenenti alla sua storia nei decenni, dagli anni ’60 a oggi, riferito alle varie attività commerciali che qui si sono via via succedute: una vera e propria ‘narrazione per immagini’ di tante storie e tanti volti che hanno animato gli spazi di Galleria Cavour e che a buon diritto fanno parte di un pezzo di storia di Bologna: i progetti (di assoluto interesse, tra gli altri, quello che prevedeva i due passaggi sotto il Pavaglione, che poi non furono realizzati). E le vecchie foto: da quella che mostra il quadrivio di Galleria con le strisce pedonali e le auto (da cui si è tratta ispirazione per il titolo ‘La Città Passante’), al defilé promosso dal mitico ‘Bang Bang’ per una stagione di uno degli anni 60-70. Fino all’immagine che ritrae la polizia in assetto antisommossa durante gli Anni di Piombo.

Osserva Paola Pizzighini Benelli <Ritengo che adesso più che mai, nel guardare al futuro della nostra città, sia importante ripercorrere le scelte urbanistiche fatte in passato e tenerne presente il grande valore. Proprio questo, è il caso del grande progetto che ha generato Galleria Cavour, grazie alla passione di chi lo concepì. E questo, è il senso della Mostra che proponiamo in occasione dei 60 anni di Galleria Cavour. Io sostengo che, oggi come allora, nelle scelte di crescita della città, occorrono sia una forte consapevolezza urbanistica, sia tanto amore per la nostra città>.

Dichiara Maurizio de Vito Piscicelli, responsabile marketing di Galleria Cavour per la proprietà Sassoli de Bianchi: <La Mostra sui 60 anni di Galleria Cavour rappresenta per noi l’inizio di un momento celebrativo di un’epoca storica della città di Bologna che in tutti questi anni ha visto coinvolti, oltre alle nostre famiglie, tante altre persone e tanti marchi prestigiosi che con il loro impegno e la loro fiducia hanno contribuito al successo e alla crescita del nostro progetto. Consideriamo Galleria Cavour parte integrante del tessuto sociale di Bologna ed ogni nostra iniziativa passata, presente e futura è indirizzata a migliorare, far crescere questa collaborazione e a mettere a disposizione dell'intera città una realtà d’eccellenza della quale tutti siano orgogliosi>.

<La città passante. Spazi e storie di Galleria Cavour>

venerdì 1 e domenica 3 febbraio ore 10-20, in visione fino al 17 febbraio 2019

sabato 2 febbraio Art City White Night ore 10-24

Ingresso gratuito

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Mostre, potrebbe interessarti

  • "Chagall. Sogno d’amore": la mostra a Palazzo Albergati

    • dal 20 settembre 2019 al 1 marzo 2020
    • Palazzo Albergati
  • Etruschi, viaggio nelle terre dei Rasna al Museo Civico Archeologico

    • dal 7 dicembre 2019 al 24 maggio 2020
    • Museo Civico Archeologico
  • "Videogame Art Museum": il museo dei videogiochi fra console e postazioni prova

    • Gratis
    • dal 2 febbraio al 31 maggio 2020
    • Videogame Art Museum

I più visti

  • "Chagall. Sogno d’amore": la mostra a Palazzo Albergati

    • dal 20 settembre 2019 al 1 marzo 2020
    • Palazzo Albergati
  • Bologna per la musica

    • dal 1 marzo 2019 al 1 marzo 2020
    • club ICON ex MUSICHIERE 
  • Teatro Duse, stagione 2019/2020: il cartellone conta 60 spettacoli, grande protagonista Gianni Morandi

    • dal 4 settembre 2019 al 16 maggio 2020
    • Teatro Duse
  • 68° Carnevale dei bambini Bologna: si fa festa domenica 23 febbraio e martedì grasso

    • Gratis
    • dal 23 al 25 febbraio 2020
    • Piazza Maggiore
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    BolognaToday è in caricamento