Mercatino verde del mondo 2017, al Giardino Parker-Lennon

Nel cuore del Giardino Parker-Lennon nel Quartiere San Donato, riapre il Mercatino Verde del Mondo -uno spazio culturale, artistico e culinario, luogo di incontro e socialità, degustazione ed esperienza… un caleidoscopio di gusti e culture, musica, sport, performance e giochi per i bimbi, che riflette la pluralità e la ricchezza della diversità culturale di Bologna.

La rassegna estiva sarà aperta tutti i giorni dal 27 maggio al 23 luglio 2017. Attraverso la musica e una convivialità arricchita da profumi, stili e esperienze diverse ma tutte bolognesi, con il Mercatino Verde del Mondo, Human Rights Nights promuove il cibo e la musica quale strumenti di cittadinanza attiva, partecipazione, identità ed empowerment e valorizza il Quartiere San Donato e il Giardino Parker-Lennon come luogo di incontro, di esperienza di una nuova società plurale, dove la diversità culturale è rispettata ed esprime la propria creatività e ricchezza.

Il Mercatino Verde del Mondo al Giardino Parker-Lennon è un ulteriore sviluppo del progetto il Mercatino Verde del Mondo iniziato da Human Rights Nights nel 2014, qui adattato ancor più alle realtà della città di Bologna e arricchito da una rafforzata partnership con le istituzioni e le associazioni che operano nel sociale e la cultura, nonché le associazioni che sono presenti nel Quartiere San Donato, adiacenti al Parco John Lennon e attive al Centro Interculturale Zonarelli.

La rassegna prevede le seguenti attività - tutti i giorni, dalle 17.00 alle 24.00: • street food con degustazioni delle cucine gourmet del mondo, da Filippine a Senegal, Messico e Marocco ma anche il Piceno, la Calabria e la Sicilia o le valli di Zocca! Accompagnate da birre artigianali, vini, spritz e cocktails tropicali di frutta. • performance e musica - afro jazz, patchanka, gipsy balkan, manuche, cumbia, roda de samba, funk, hip hip, swing, taranta, danze tradizionali dall'India, le Filippine, Perù e Africa Occidentale • giochi per i bimbi e le famiglie, con artisti ed educatori, per creare insieme manufatti con tessuti, argilla, carta e colori ispirati alla natura e ai temi del Mercatino • sport sport open air - tra cui Capoeira, Tai Chi e Yoga, Thai Boxe, Giocoleria, Parkour, tornei di calcetto, basket e pallavolo, anche in collaborazione con Arci Guernelli e Palestra Popolare • danze e spettacoli - dalla Taranta lo Swing Lyndi Hop alle danze tradizionali di Asia, Africa e LatinAmerica Per il programma musica, in allegato il calendario degli appuntamenti che include performance di Guglielmo Pagnozzi, Kalifa Kone, Dj Lugi, King Ayisoba con la musica Kologo dal Ghana, Timmidwa blues tuareg dal deserto, Katzuma, Le birrette, Los Pollos Hermanos, il Laboratorio Sociale Afrobeat e i progetti musicali del Vecchio Son - per citarne solo alcuni.

Promosso ed organizzato da Human Rights Nights, in collaborazione con il Centro Interculturale Zonarelli, con il Patrocinio del Quartiere San Donato-San Vitale, il progetto è realizzato attraverso una una programmazione partecipata con una rete significativa di realtà e associazioni della città di Bologna, impegnate nel sociale e per la promozione delle culture e della diversità - tra cui AfricanBamba, Les Racines du Bled, White Dog Brewery, Liwanag, Radici, Il Borlengaio Matto, Tierra Madre, Tay Ethnic Group, Le Baobab Cuisine, Ecodemia, Rosticciamo, Caffè Commercianti. Il Mercatino Verde del Mondo presenta la programmazione musica del Festival Human Rights Nights di cinema arte e musica dei Diritti Umani che si è svolto quest'anno a Bologna dal 5 al 14 maggio in partnership con Fondazione Cineteca di Bologna, Università di Bologna e Fondazione MAST, con il Patrocinio del Comune di Bologna. Il Mercatino Verde del Mondo organizza inoltre uno spazio dedicato per i bimbi, un prato-laboratorio open air con momenti di giochi, esperienza con la pittura e la scultura, performance, sport e cucina. I bambini che con le famiglie visitano il Mercatino Verde del Mondo al Parco Parker-Lennon navranno uno spazio loro dedicato dove animatori, artisti, musicisti e cuochi si alternano per offrire un'esperienza-gioco. La presenza delle giovani famiglie che si incontrano nella piazza sul tardo pomeriggio per degustare un assaggio delle cucine gourmet, assistere alla presentazione di un libro o ad un momento di musica, creerà l'opportunità di coinvolgere i bambini in attività spontanee dedicate di giochi ed esperienza ludico creativa. Infine attraverso il coinvolgimento di workshop di capoeira, danza, tai chi, yoga, parkour, thai boxe, etc. il giardino sarà anche una palestra aperta dove nella giornata si potrà assistere a lezioni aperte di danza e sport - con speciali appuntamenti per i piccoli sportivi e performers. Il Mercatino Verde del Mondo è un progetto iniziato da Human Rights Nights nel 2014 ai Giardini Margherita (giugno luglio 2014, 2015, 2016), e realizzato anche al Giardino Klemlen / Cavaticcio (maggio 2014, 2015) e in Piazza Verdi (maggio 2014, maggio 2016).

Il Mercatino Verde del Mondo riflette gli aspetti positivi dell'urbanismo moderno in evoluzione delle principali città del mondo, in primis Londra e New York, ma anche Parigi, Amsterdam e Barcelona, dove la presenza di mercati plurali - con un offerta di cibo, fiori, moda e design, nell'ottica di un consumo ed enterprising sociale orientato alla diversità, al riciclo, alla sostenibilità e all'ambiente, ma anche bello, di alta qualità, creativo, innovativo e originale - è un fattore di successo nella qualità di vita urbana e di turismo. Il Mercatino Verde del Mondo è quindi iniziato da Human Rights Nights come sperimentazione per la valorizzazione delle creatività plurali sommerse della città. Il mercatino offre benefici a tutti i commercianti e ristoratori delle zone interessate attraendo un afflusso di pubblico, contribuendo così in positivo al recupero o nuova destinazione di spazi a volte difficili dal punto di vista sociale, al contempo valorizzando l'identità plurale e fortemente artistica della città e generando opportunità di occupazione. Il mercato permette infatti opportunità low cost di start-up business del cibo, particolarmente per giovaci cuochi e ristoratori di origine straniera. Il mercato permette inoltre opportunità di network nel settore della solidarietà e delle creatività artistiche. I mercati di strada creano un momento di incontro, una destinazione, un senso di luogo, popolano le strade e i giardini che li ospitano. Dal punto di vista culturale-artistico, il Mercatino Verde del Mondo vuole promuovere la visione di un mondo sostenibile e in rispetto con l'ambiente. Gli operatori/espositori ospitati nel Mercatino sono infatti selezionati sia per l'offerta di prodotti e mostra esibizione di modalità alternative di stili di vita etico-ecologico, oltre che in un ottica di valorizzazione delle differenze e promozione delle creatività plurali della città. Street Food / Cucine gourmet dal mondo presenti al Mercatino 2017 - Giardino Parker-Lennon LE BAOBAB CUISINE - Un assaggio di cucina gourmet dal Senegal, preparata con prodotti freschi dal mercato del pesce, carne e verdure e speciali ingredienti tipici africani - dal pesce affumicato ai Gombo, i peperoncini e le spezie. Tra le specialità: Yassa Poulet, Crevette a la Saint Louisienne, Mafè, Branzino a la Senegalese, Nem e Fataya, e i dolci Beignet aux coco, tutti accompagnati con riso bianco basmati, insalata, baguette e frutti di mango. LIWANAG - La cucina tradizionale delle Filippine è arricchita da influenze culinarie dalla Cina, Spagna, mondo Arabo e America, con involtini, spiedini di maiale marinati, empanadas, siopao, spaghetti di riso, verdure in salsa di soia, cassa- va, turon, camote que e hopia. Liwanag facilita l'accesso delle donne filippine al mondo del lavoro, ai servizi sociali e sanitari. Liwanag è ai Giardini Margherita per costruire una scuola in un'isola dimenticata dello Stato delle Filippine, devastata da tifoni e inondazioni. WHITE DOG BREWERY - Produzione tradizionale di birre artigianali Real Ales - Il birraio Stephen "Steve" Dawson è genio e sregolatezza tutti British. La sregolatezza l'ha manifestata anzitutto lasciando una scrivania per produrre real ale sull'Appennino modenese, mentre il genio l'ha da subito concentrato nelle sue birre di forte impronta anglosasso- ne. Tra le birre servite: Yellow Fever, Golden Ale; Rocchetta's Best, tipica birra inglese Bitter rossa; Boot Hill APA, Ame- rican Pale Ale e TDS Stout, nera irlandese. HRNS FLOWER BAR - Con aperitivi, spritz, cocktail tropicali estivi e fiori, HRNs Flower Bar promuove il festival e la vi- sione di una società contemporanea plurale. Human Rights Nights è una organizzazione dedita alla promozione dei di- ritti umani e alla valorizzazione della diversità culturale e al rispetto dell'ambiente, attraverso il festival Human Rights di cinema arte e musica per i diritti umani. Recente è il progetto "Mercatino Verde del Mondo" per l'incontro di creati- vità plurali artistiche e culinarie. TIERRA MADRE - La cucina messicana presenta una varietà di piatti, aromi e ingredienti notevole, un grande impiego di frutta e verdura, carne, pesce e le immancabili tortillas, il guacamole, a base di avocado, le huevas rancheros, i tacos, il burrito, le enchiladas e le fajitas. La paella è un piatto tradizionale della cucina valenciana in Spagna, a base di riso, zaffe- rano, carne e pesce, ora diffuso in America Latina. IL BORLENGAIO MATTO - Borlenghi con la mitica "cunza" (marmellata di maiale), crescentine e tigelle, i salumi più prelibati dell'appennino tosco emiliano, sua maestà il Parmigiano Reggiano e freschi e delicati vini frizzanti ed estivi (Lambrusco e Pignoletto) sono gli ingredienti alla base della nostra osteria che ricorda la cucina delle vostre nonne di montagna. RADICI - Nasce nella valle del Piceno, dove sorge la città di Ascoli e si incontrano i sapori della tradizione culi- naria di Marche, Abruzzo ed Umbria in un mix inconfondibile. Cucina tipica di strada di origine marchigiana abruzzese e umbra con un tocco di originalità grazie alla cuoca Elisa Garelli: olive ascolane, arrosticini abruzzesi, hamburger gourmet, specialità al tartufo e ai salumi di Norcia. ROSTICCIAMO - il meglio dello street food siciliano come solo a Palermo lo sanno fare, dal pane e panelle ai classici arancini e cannoli. TAY ETHNIC GROUP - Taifur cucina tziginì, falafel, samosa, specialità dal Corno d'Africa e del mondo. LA TERRA DEI BRIGANTI: dalla terra calabro-lucana ricette e specialità della tradizione culinaria con nduja e tropea. Salsiccie alla griglia, provola affumicata e peperoncino calabrese accompagnati da birre artigianali. PANZEROTTI A NASTRO: panzerotti fritti direttamente da una delle regioni che ha più da offrire per ricchezza di prodotti e ricette originali. CENTRO ZONARELLI: le tante associazioni del centro interculturale di Bologna si alternano tra promozione della pro- pria terra e cultura, cucine gourmet, danze e performances - dallo Sri Lanka all'Ucraina, Vietnam, Marocco e Peru, per citarne solo alcune.

Costituitasi come nel 2013, Human Rights Nights opera da oltre 15 anni a livello locale e globale attraverso la produzione del 1° Festival di cinema dei diritti umani in Italia (Human Rights Nights International Film Festival), eventi culturali e artistici, campagne di comunicazione, interventi sociali e cooperazione internazionale. Human Rights Nights è il primo festival dei diritti umani in Italia. Dal 2001, ogni anno la città di Bologna ospita 10 giorni di cinema, arte e musica sul tema dei diritti umani. Dal 2014 Human Rights nights organizza il Mercatino Verde del Mondo, spazio culturale artistico di cucine gourmet internazionali, eco-design, danza e musica, in un'ottica di valorizzazione, conoscenza e incontro delle diversità presenti nel nostro territorio, promuovendo il cibo come strumento di cittadinanza attiva, identità ed empowerment. Dal 2014 siamo membri attivi della Rete Antidiscriminazione della Città Metropolitana di Bologna, promossa da UNAR - Ufficio Nazionale Antidiscriminazione Razziali. Human Rights Nights è membro fondatore della rete internazionale Human Rights Film Network, che riunisce 42 festival nel mondo. Human Rights Nights, realizza i propri progetti in partnership con la Fondazione Cineteca di Bologna e Alma Mater Studiorum - Università di Bologna e solitamente con il Patrocinio del Comune di Bologna, in collaborazione con una rete significativa di realtà e associazioni della città di Bologna impegnate nel sociale e per la promozione delle culture e della diversità e la partecipazione di musicisti, performers e artisti del mondo a Bologna. Human Rights Nights vuole colorare il mondo che ci circonda di positività e di energia per una società più giusta, in pace e nel rispetto delle diversità. In questo momento di conflitti, esodi in massa di rifugiati e migranti, continue violazioni dei diritti civili e degrado del senso di umanità in generale, è necessario ed urgente ancora di più esprimere il nostro dissenso per le violenze, ricordare che cosa sono i diritti umani e valorizzare la ricchezza che proviene dall'intreccio delle multitudini delle culture, nel mondo e qui a Bologna. Human Rights Nights ha da sempre posto l'accento sulle realtà plurali del mondo contemporaneo, impegnandosi per la promozione di una cultura per i diritti umani e una società plurale che rispetti le persone contro ogni forma di razzismo e discriminazione. In un contesto che non sempre offre occasioni di incontro e dialogo, partecipazione e cittadinanza attiva, il sostegno a Human Rights Nights è prezioso come supporto al nostro continuo impegno per la sensibilizzazione ai diritti umani e l'interrelazione tra le tante anime sociali e culturali plurali di questa città. 

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...



Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti