Non c’e’ mai pace tra gli ulivi

Dopo il successo ottenuto a "Zelig" e in teatro con "Crostatina stand up" e "Horny" e attualmente impegnato in televisione con 'Quelli che il calcio', Antonio Ornano torna in scena con #NonCeMaiPaceTraGliUlivi. Lo spettacolo, scritto con Carlo Turati, Simone Repetto e Matteo Monforte e firmato dal regista Davide Balbi sarà al Teatro Celebrazioni di Bologna sabato 15 dicembre.

«Il grande paradosso è che viviamo in un'epoca che ci offre milioni di opportunità di conoscenza eppure siamo schiavi di un algoritmo che sulla base delle pagine che abbiamo visitato ci propone i "contenuti" che ci potrebbero interessare - dichiara l'artista - la tendenza è di essere sempre più rinchiusi nelle nostre convinzioni e quando queste sono basate su ignoranza e pregiudizi lì scatta il corto circuito. Non c'è nulla di più divertente della nostra ipocrisia, e così provo a squarciarla raccontandovi tutte le mie schizofrenie».

L'ironico stand up comedian ripercorrerà sul palcoscenico luoghi comuni e cliché di quest'epoca, facendo ridere e sorridere il pubblico che scoprirà un artista che ha tanto da raccontare.
«Siamo tutti concentrati sul nostro ombelico eppure è sempre più difficile inquadrare noi stessi, il nostro aspetto estetico, la nostra emotività, la sottile differenza tra quello che siamo e quello che vorremmo essere. Se è così complesso trovare e accettare la verità proviamo almeno a riscoprire il valore catartico della nostra sincerità. Non c’è nulla di più divertente della nostra ipocrisia, e così provo a squarciarla raccontandovi tutte le mie schizofrenie, che si manifestino a bordo campo durante una partita di calcio di mio figlio o alle prese con il ricordo salvifico di una ballerina conosciuta a vent’anni. Si parla e si scherza su quanto sia faticoso lasciarsi sopraffare dalle nostre passioni e su quanto è difficile far digerire la musica rock alla propria moglie. E si raccontano le mie difficoltà a rapportarmi con il razzismo e il bullismo, come comico, e soprattutto come padre di un bimbo biologico biondo platino e di una bimba di colore adottata in Etiopia. E alla fine, forse per trovare l' "artefice" di tutte queste fragilità così umane e reali, si parla e si ride anche del ricordo di una madre. La mia, come avrete intuito».

Il tour, che partirà da Bologna il 15 dicembre, toccherà diverse città italiane, tra cui Monza, Firenze e Milano per concludersi a Roma al Teatro Ambra Jovinelli il 5 maggio.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Teatri, potrebbe interessarti

  • Risate e note nel Chiostro: il programma dell’Estate di San Martino

    • Gratis
    • dal 3 al 12 luglio 2020
    • Chiostro di San Martino
  • Dio e' donna e si chiama Petrunya: lo spettacolo all'arena Tivoli

    • dal 6 al 7 luglio 2020
    • ARENA CINEMA TIVOLI
  • "Bosco parlante": perfomance sull'Appennino

    • Gratis
    • dal 18 al 19 luglio 2020
    • Rifugio Segavecchia

I più visti

  • "Sotto le stelle del cinema": il programma del cinema in Piazza Maggiore e al BarcArena

    • Gratis
    • dal 4 luglio al 1 settembre 2020
    • Piazza Maggiore e BarcArena
  • Etruschi, viaggio nelle terre dei Rasna al Museo Civico Archeologico

    • dal 7 dicembre 2019 al 29 novembre 2020
    • Museo Civico Archeologico
  • Rocchetta Mattei riaperta al pubblico con un nuovo percorso

    • dal 23 maggio al 31 agosto 2020
    • Rocchetta Mattei
  • La Collina delle Meraviglie: il programma dal 16 giugno al 15 settembre

    • dal 16 giugno al 15 settembre 2020
    • Colli bolognesi
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    BolognaToday è in caricamento