"La voce dei segni: disegni e illustrazioni di Augusto Daolio

"Sono nato a Novellara tempo fa,
mi chiamo Augusto
e questo nome mi piace.
Sono un acquario,
un acquario esageratamente acquario
con un poco di tutti gli altri segni.
Non disegno per hobby,
penso che ci sia qualcosa di più di una
semplice collezione
di segni su segni.."

Augusto Daolio, voce storica dei Nomadi, già autore di dipinti, caricature, autografi ingegnosi frutto del suo disegnare compulsivo che accompagna l'intero suo percorso. Nomade d’animo, libero nella scelta dei soggetti, LA VOCE DEI SEGNI è la mostra che lascia emergere la natura, anche ironica, di un creativo senza tempo. Una raccolta unica di materiale inedito per accompagnare l’inizio di una nuova stagione artistica da condividere con Voi, in piena collaborazione e supporto all’Associazione ‘Augusto per La Vita’, Sabato 13 Gennaio dalle 18:00 in via mascarella 16\a presso ’The Door Art Gallery’..

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...



Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Mostre, potrebbe interessarti

  • Da Chagall a Malevich, da Repin a Kandinsky: la mostra a Bologna

    • dal 15 dicembre 2017 al 13 maggio 2018
    • MAMbo - Museo d'Arte Moderna di Bologna
  • REVOLUTIJA. Da Chagall a Malevich, da Repin a Kandinsky

    • dal 12 dicembre 2017 al 13 maggio 2018
    • MAMbo
  • Il muro oggetto culturale, la mostra “the WALL” a Palazzo Belloni

    • dal 24 novembre 2017 al 6 maggio 2018
    • Palazzo Belloni

I più visti

  • Da Chagall a Malevich, da Repin a Kandinsky: la mostra a Bologna

    • dal 15 dicembre 2017 al 13 maggio 2018
    • MAMbo - Museo d'Arte Moderna di Bologna
  • REVOLUTIJA. Da Chagall a Malevich, da Repin a Kandinsky

    • dal 12 dicembre 2017 al 13 maggio 2018
    • MAMbo
  • Il muro oggetto culturale, la mostra “the WALL” a Palazzo Belloni

    • dal 24 novembre 2017 al 6 maggio 2018
    • Palazzo Belloni
  • "Giappone. Storie d'amore e di guerra": la mostra a Palazzo Albergati

    • dal 24 marzo al 29 luglio 2018
    • Palazzo Albergati
Torna su
BolognaToday è in caricamento