Fondo sociale europeo all'occupazione e alla mobilità dei lavoratori: il questionario

L'obiettivo è raccogliere il parere di due tipologie di soggetti: i cittadini e gli organismi coinvolti nella realizzazione delle operazioni del Fondo

C'è tempo fino al 6 gennaio 2020 per partecipare alla consultazione pubblica promossa dalla Commissione europea per raccogliere opinioni sul sostegno del Fondo sociale europeo all'occupazione e alla mobilità dei lavoratori.

Il questionario, così come spiegato nella sezione Formazione -Lavoro nel sito della Regione Emilia Romagna,  intende raccogliere il parere di due tipologie di soggetti: i cittadini e gli organismi coinvolti nella realizzazione delle operazioni del Fondo sociale europeo - partner di progetto o  beneficiari.

Per partecipare alla compilazione del questionario è richiesta la registrazione al portale della Commissione europea; il questionario è disponibile nelle 23 lingue ufficiali e le domande si adattano direttamente alla tipologia del soggetto. Il questionario per gli organismi coinvolti nell'attuazione delle attività è più articolato e semplificato per i cittadini.

La consultazione si concentra sulle attività realizzate per l’occupazione e la mobilità dei lavoratori.

Obiettivo della consultazione è raccogliere contributi e informazioni chiave per la valutazione delle azioni sostenute con il Fondo sociale europeo. I risultati dell'indagine saranno riassunti in un documento di sintesi, che sarà pubblicato online, che riporterà le risposte suddivise per Stato membro.

Per maggiori informazioni clicca qui

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Emilia Romagna: maxi concorso per l'assunzione di 138 vigili urbani

  • Iscrizioni scuola dell’infanzia 2020/21: tutte le date e come fare

  • Castel San Pietro, scuola 'Scappi': per gli alunni niente più sanzioni disciplinari ma lavori socialmente utili

  • Alta formazione: dalla Regione la nuova borsa di studio dedicata a Marco Biagi

  • Scuola: gli studenti italiani 'non sanno leggere', e 1 su 4 non arriva alla sufficienza in scienze

  • Università e lavoro: mancano ingegneri, architetti, scienziati e statistici

Torna su
BolognaToday è in caricamento