Città Metropolitana, bilancio di previsione: destinati alle scuole oltre 37 milioni di euro

Il bilancio 2020 presenta un notevole grado di sostenibilità e la spesa corrente è di 110,6 milioni di euro

La Città Metropolitana ha approvato per la prima volta il bilancio di previsione 2020/2022,  ed è tra i primi enti pubblici in Italia a dare l’ok definitivo al bilancio 2020. Nei cinque anni passati , così come spiega una nota, era stato infatti necessario ricorrere all’esercizio provvisorio per far fronte alle difficoltà dovute ai pesanti tagli previsti dalle leggi di Bilancio dello Stato (concorso alla spending review) e gestire l’incertezza rispetto al volume effettivo di risorse a disposizione che, in più di un’occasione, è stato definito a livello centrale in fase avanzata dell’esercizio.

Con i pareri positivi espressi nel corso  dalla Conferenza metropolitana dei Sindaci: 35 favorevoli e 2 astenuti, e poi dal Consiglio metropolitano , si è concluso l’iter di approvazione del Bilancio di previsione e del Documento unico di programmazione 2020-2022.

Il bilancio 2020 presenta un notevole grado di sostenibilità. La spesa corrente è di 110,6 milioni di euro così suddivisi: 10.273.508 edilizia scolastica, 4.245.899 viabilità, 20.487.570 personale, 49.317.867 taglio imposto dallo Stato, 9.820.052 spese di gestione, 9.134.078 delegate/vincolate, 5.072.223 fondi, 1.342.401 interessi, 965.472 altri fondi. Le entrate di parte corrente sono così ripartite: 83 milioni tributarie, 26.264.195 per trasferimenti, 7.791.925 extra tributarie.

 Grazie ad un’attenta valutazione sul debito in essere, la Città metropolitana è riuscita a effettuare nel 2019 un’estinzione anticipata di mutui che consentirà di liberare risorse di parte corrente per 671.270 euro all’anno.

Per le scuole 

Complessivamente nel 2020 sono destinati alle scuole 37.842.398 euro (10.273.508 di parte corrente e 27.568.891 in conto capitale) e alle strade 26.521.502 euro (4.245.899 di parte corrente e 22.275.603 in conto capitale).

Nel dettaglio i maggiori interventi di edilizia scolastica riguarderanno:

  • Nuove realizzazioni : Polo Dinamico e Aldrovandi Rubbiani con Palestra CONI a Bologna, Rambaldi Valeriani e Scarabelli-Ghini a Imola, e ampliamenti (Liceo Sabin a Bologna e Salvemini di Casalecchio con nuova Palestra, Majorana a San Lazzaro, Archimede a San Giovanni in Persiceto, Alberghetti a Imola.
  • Interventi vari di manutenzione straordinaria: restauro della scala di accesso principale del Liceo Righi, messa in sicurezza degli infissi alle Laura Bassi, rifacimento dei servizi igienici al Fermi, al Copernico e all'Aldrovandi Rubbiani, scala di sicurezza della Sala Zambeccari presso il Liceo Galvani, efficientamento energetico e nuova copertura del Belluzzi e del Manfredi-Tanari, messa in sicurezza del Fantini di Vergato;
  • Messa in sicurezza strutturale e miglioramento antisismico: Laura Bassi, Isart, Galvani e Aldrovandi Rubbiani a Bologna, succursale Serpieri a Sasso Marconi, Nobili a Molinella, Scappi a Casalecchio, Montessori-Da Vinci ad Alto Reno Terme (Porretta);
  • Adeguamenti antincendio in diversi istituti (completamento su tutti gli edifici entro il 31/12/2021);
  • efficientamento energetico in diversi istituti.

Le somme necessarie alla totale copertura di alcuni lavori sono suddivise su più annualità come evidenziato dai cronoprogrammi relativi ai singoli interventi.

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gaggio: finiti i lavori nelle scuole, pronta la piscina che si scopre in estate

  • Lavoro: le lauree più richieste nel 2020

  • San Benedetto Val di Sambro: al via il corso d'italiano per mamme

  • Appennino: nelle biblioteche torna 'Nati per leggere' per bambini 0 - 3 anni

Torna su
BolognaToday è in caricamento