I tetti di Bologna, dall’amianto ai pannelli solari: si parte a marzo

Via l'amianto dai tetti della città: è il progetto Paes, Piano di Azione per l'Energia Sostenibile, del Comune di Bologna, CNA e Unindustria

Finalmente via l’amianto dai tetti di Bologna: a marzo parte il primo progetto esecutivo del PAES (Piano di Azione per l'Energia Sostenibile) messo in atto dal Comune di Bologna, CNA e Unindustria, per rimuovere l'amianto dai tetti della città e, al tempo stesso, realizzare impianti fotovoltaici e migliorare l'isolamento termico degli edifici.
"Cna e Unindustria hanno raccolto la sfida di tenere insieme un progetto di sviluppo delle fonti rinnovabili e la rimozione di un elemento fortemente inquinante come l'amianto", sottolinea l'assessore all'Ambiente Patrizia Gabellini. "Il progetto offre dunque molteplici aspetti virtuosi", aggiunge, "dal punto di vista dell'integrazione pubblico e privato: il sostegno economico per la rimozione dell'amianto che è un obbligo di legge, la diffusione dell'energia fotovoltaica, il miglioramento dell'efficienza energetica degli edifici".

GLI INTERVENTI. Riguarderanno il patrimonio edilizio privato e potrebbero arrivare, secondo le stime, all'installazione di 2,2 MWp di fotovoltaico, corrispondenti a circa 18.000 m2 di superficie, per un totale di 13.500.000 euro di investimenti.
Le imprese che installano impianti fotovoltaici garantiranno lo smaltimento gratuito dell’amianto rimosso, ed eventualmente effettueranno interventi di isolamento termico, mentre il Comune si impegna a mettere in atto azioni di agevolazione e semplificazione amministrativa oltre alla promozione attraverso i propri canali istituzionali ed il sito del PAES.
Oltre a questo ruolo di impulso il Comune di Bologna continua a monitorare, in collaborazione con gli altri gestori di beni pubblici, gli edifici che registrano ancora presenza di amianto e sta predisponendo un vademecum sugli obblighi in carico ai proprietari, da diffondere grazie alle associazioni di categoria.

PAES. Il 26 Ottobre 2012, a Palazzo d'Accursio, è stato firmato il Protocollo d'Intesa tra Comune di Bologna e attori del territorio per l'attuazione del Piano di Azione per l'Energia Sostenibile (PAES). Tutti i soggetti sottoscrittori daranno vita ad accordi attuativi, per la realizzazione di specifiche azioni del PAES: la realizzazione di campagne informative e di sensibilizzazione, la definizione di pacchetti di offerta di beni e servizi per l'efficienza energetica degli edifici residenziali, la sostituzione delle coperture in amianto con pannelli fotovoltaici, lo sviluppo sul territorio comunale di "Comunità Solari".

Potrebbe interessarti

  • La mappa degli outlet a Bologna: dove fare ottimi affari

  • Ogni quanto vanno lavate le lenzuola?

  • Dermatologia: una bolognese premiata al congresso mondiale

  • Come combattere il caldo: consigli e rimedi

I più letti della settimana

  • Incidente mortale a Sasso Marconi: auto si scontra con un camioncino, bimbo di sette anni muore sul colpo

  • La mappa degli outlet a Bologna: dove fare ottimi affari

  • Ogni quanto vanno lavate le lenzuola?

  • Incidente in A13: scontro tra auto, traffico bloccato per un'ora

  • Incidente a Sasso Marconi: bimbo muore sulla Porrettana, chi era la piccola vittima

  • Minerbio, malore nella piscina del b&b: donna muore in ambulanza

Torna su
BolognaToday è in caricamento