Una bici speciale per le persone disabili: in Velostazione parte progetto pilota

Arriva "Aspasso", mezzo leggero e semplice da usare, che permette il trasporto della persona senza doverla spostare dalla sedia a rotelle. L'idea è mettere a disposizione la bici per testarla in città ad uso dei bolognesi e dei turisti

Le persone con disabilità motoria che utilizzano la carrozzina ora a Bologna possono provare l’ebbrezza di una passeggiata in bicicletta. Arriva alla Velostazione Dynamo "Aspasso", un mezzo leggero e semplice da usare, che permette il trasporto della persona senza doverla spostare dalla sedia a rotelle. L’idea è quella di mettere a disposizione la bicicletta Aspasso per testarla in città ad uso delle famiglie bolognesi che vogliono farsi una passeggiata e dei turisti che a pochi metri dalla stazione possono approfittare di questo mezzo per vivere Bologna da ciclisti speciali.

Non poteva non essere la prima Velostazione d’Italia il test naturale di questo progetto-pilota, che andrà avanti fino al prossimo autunno. A partire dal 5 maggio, infatti, Aspasso sarà a disposizione di chi vorrà provarla e noleggiarla al costo e alle condizioni di una bicicletta standard. "Unica in Italia - spiegano i promotori del progetto -  Aspasso ha il pregio di essere molto semplice da usare: in pochi secondi la sedia a rotelle è agganciata in totale sicurezza e, grazie all’innovativo sistema di pedalata assistita e di retromarcia, tutti possono guidare la bicicletta senza sforzo e condurre il disabile a destinazione".

Ospiti d'eccezione dell'evento di presentazione di Aspasso (che sarà mercoledì 4 maggio -ore 18 in via Via Indipendenza 71/z) saranno Silvia Bertoluzza, Nicoletta Tinti e Giancarlo Aquilini della Compagnia InOltre. Tinti, danzatrice ed ex campionessa olimpionica oggi disabile, danza muovendo le gambe di Silvia proprio come fossero le sue nel pezzo "La bambola"; mentre Giancarlo, che a causa di un problema può suonare con la sola mano sinistra, le accompagna al pianoforte.

Aspasso ha debuttato lo scorso febbraio a Senigallia (AN), città dove ha sede Protec Ambiente che promuove questo progetto di mobilità urbana sostenibile, agile, veloce e soprattutto non inquinante: la bici è attualmente in uso alla cooperativa sociale Casa della Gioventù dove gli operatori portano “a spasso” i ragazzi disabili. Bologna, tuttavia, è la prima città di grandi dimensioni dove si dà il via ad un progetto-pilota che ha una connotazione prioritariamente turistica. Perché Bologna deve essere una città accessibile a tutti, anche a quelli che decidono di visitarla per un breve periodo. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bollettino covid oggi: a Bologna (quasi) la metà dei nuovi contagi e decessi registrati in Regione

  • Covid-19, al via le convocazioni per i test a campione: "1.000 solo a Bologna città, si viene contattati per telefono"

  • Frecce Tricolori a Bologna: il passaggio sulla città il 29 maggio

  • Bonus bici elettriche e monopattini: chi può chiedere i 500 euro

  • Nuova ordinanza Bonaccini: da lunedì aprono centri sociali, circoli, parchi tematici e riprendono gli stage

  • Coronavirus, bollettino Emilia Romagna: +24 casi e ancora 8 decessi

Torna su
BolognaToday è in caricamento