Car sharing: nuovi investimenti da Tper e un concorso per rilanciare il servizio

Tper amplia il servizio delle vetture ad utilizzo "flessibile che incarna una nuova concezione della mobilità urbana" e lo promuove attraverso un concorso riservato a giovani creativi

In tempi sempre più caratterizzati dalla sharing economy - un cambiamento generazionale nei consumi, nella gestione del tempo e nella mobilità - si inserisce l’azione di Tper che spinge sul Car Sharing –  servizio gestito dall’azienda a Bologna dal maggio del 2014 – che rappresenta "una valida alternativa all’auto di proprietà, sia per i privati sia per le aziende".

Il servizio, che prevede per definizione l’utilizzo condiviso di un parco di vetture, porta i soggetti coinvolti a fare uso dell’automobile "con maggiore consapevolezza e misura". Chi sceglie il car sharing - sottolinea Tper - "fa propria una concezione smart della mobilità, che non si fonda sulla proprietà ma sulla condivisione, in cui si preferisce utilizzare secondo necessità piuttosto che possedere. Optare per l’auto ad utilizzo flessibile significa contribuire a ridurre il traffico e l’inquinamento atmosferico, nel rispetto del contesto di vita urbano e dell’ambiente: meno automobili in circolazione e meno emissioni nocive, per una mobilità sostenibile, che migliora la qualità della vita in città".

Car sharing - puntualizza la società - "significa anche ridurre i costi per gli spostamenti e incidere positivamente sul bilancio familiare: se si pensa che la gestione di un’auto di proprietà prevede un esborso medio di circa 3.200 euro l’anno, tra carburante, assicurazione e altri costi, appare subito evidente come – in funzione delle reali esigenze d’uso – il car sharing possa rivelarsi una soluzione vincente sotto ogni punto di vista".

In città, poi, trova ulteriore motivo di convenienza e comodità: oltre ad avere a disposizione un’auto, evitandone i costi fissi (bollo, assicurazione, manutenzione, ecc.) e pagando solo per l’effettivo utilizzo del mezzo, chi usa il car sharing beneficia anche di vantaggi sul piano della mobilità: accesso al centro storico di Bologna (ZTL e zona T, ad eccezione dei T-days), libertà di circolazione anche in caso di giorni di blocco del traffico, possibilità di percorrere le corsie preferenziali, sosta gratuita nelle aree contrassegnate da strisce bianche e blu.
 
Il servizio è in fase di espansione: per il 2016 Tper si propone di ampliarlo, portando la flotta a 60 vetture, di cui 41 saranno nuove Fiat 500, 500L, 500X.  Le 41 nuove auto saranno acquisite con un contributo che il Comune di Bologna eroga tramite fondi del Ministero dell'Ambiente.  
 
IL CONCORSO.
In questo contesto di sviluppo del servizio, Tper presenta oggi un’iniziativa volta a sensibilizzare il pubblico sulle ricadute positive del car sharing per la collettività: il Concorso d’idee e creatività “Io Guido Car Sharing”, che ha per oggetto l’ideazione e la progettazione di un messaggio visivo che descriva e promuova le prerogative e le valenze positive di questo sistema di mobilità.
Il concorso si rivolge ai giovani creativi di età compresa tra i 18 e i 30 anni e ha l’obiettivo di sensibilizzare le nuove generazioni sui benefici del servizio. Ai partecipanti si chiede di ideare una vestizione grafica, parziale o completa, di un veicolo. La grafica dovrà occupare come minimo la superficie delle portiere del mezzo fino a ricoprire l’intera carrozzeria: la finalità è individuare un progetto originale ed efficace, che possa essere usato da Tper per personalizzare almeno un’auto della flotta. La proposta creativa vincente potrà quindi prendere forma concreta, e far mostra di sé nelle strade della città, dando così un tocco di vivacità e di inconfondibile stile al servizio di Io Guido Car Sharing.
La partecipazione al concorso è gratuita e per iscriversi è sufficiente indicare la propria volontà di partecipare via e-mail, scrivendo a concorsocarsharing@tper.it entro le ore 24 del prossimo 4 aprile.
Gli elaborati grafici dovranno invece essere presentati entro le ore 18 del 29 aprile 2016. I progetti raccolti saranno esaminati da un’apposita commissione entro il 15 maggio.
Il primo classificato, oltre all’iscrizione gratuita a Io Guido Car Sharing, riceverà un premio del valore complessivo di 2.000 euro (di cui 500 in corrispettivo gratuito di utilizzo del servizio).
Per informazioni sul concorso è possibile visitare il sito internet www.tper.it nella sezione dedicata al car sharing, dove sarà pubblicato il regolamento completo, con tutti i dettagli circa le modalità di partecipazione e la descrizione degli elaborati richiesti.
 
INVESTIMENTI. Il 2016 vedrà un massiccio rinnovo della flotta veicolare: il 78% è a doppia alimentazione (benzina/metano o benzina/gpl); le restanti auto sono di classe ecologica è Euro VI. Tra nuove acquisizioni e dismissioni di vetture con maggiore anzianità di servizio, le auto a doppia alimentazione entro fine anno raggiungeranno l’85% del parco veicolare.
Parallelamente, sarà implementata anche la rete dei punti di prelievo delle auto, per garantire una copertura sempre maggiore del servizio sul territorio.
In più, l’Azienda sta lavorando per "garantire agli utenti sempre maggiore flessibilità, comodità e facilità di accesso": oltre all’allargamento della flotta, sono in dirittura d’arrivo la possibilità di iscriversi online al servizio (oggi lo si può fare recandosi fisicamente allo sportello dedicato di Via Magenta) e un’ulteriore semplificazione tariffaria.  
 

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Bologna usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: fermato treno a San Ruffillo. Era un falso allarme

  • Coronavirus, sotto osservazione due persone in Emilia: le analisi al Sant'Orsola

  • Coronavirus: in Emilia Romagna chiuse scuole, asili e luoghi di cultura. Stop a eventi e manifestazioni

  • Coronavirus, due nuovi casi a Modena e uno a Piacenza. In Emilia-Romagna 26 in totale. Venturi: "Proporremo nostra metodica alle altre Regioni"

  • Coronavirus, il sindacato scuola: "Sospendere attività fino all'8 marzo"

  • Coronavirus: riminese ricoverato, aveva volato dal Marconi. Positivo anche un altro passeggero dello stesso volo

Torna su
BolognaToday è in caricamento