Pendolari, Legambiente: 'Urgono nuovi treni'. Donini promette 'salto di qualità'

Gli ambientalisti pubblicano il Dossier "Pendolaria 2015", dove tracciano i chiaro-scuri del trasporto ferroviario in Regione. Qui la loro ricetta per migliorarlo. L'assessore regionale risponde: 'Siamo pronti'

Presentato il Dossier “Pendolaria 2015” di Legambiente nell’ambito di una Campagna che ha al centro l’attenzione per la situazione e gli scenari del trasporto ferroviario pendolare in Italia. 

Nel contesto nazionale, l’Emilia Romagna "tiene rispetto ai tagli di servizi (-3,9% dal 2010) ed è riuscita a garantire investimenti". Tuttavia anche nella nostra regione lo stanziamento di fondi regionali a favore del trasporto pendolare "si limita allo 0,27%, 39 milioni di euro, del bilancio della Regione". Meno della metà di quanto investe la vicina Lombardia.
Un dato che, se confrontato con gli investimenti previsti su nuove strade ed autostrade, dimostra come il treno faccia "la parte di Cenerentola", dice l'associazione ambientalista, snocciolando cifre: "Solo per l’Autostrada Cispadana sono previsti investimenti per 179 milioni di euro. Nel periodo 2003-2015 sono stati stanziati più di 850 milioni di euro per le infrastrutture in regione, ma di questi solo il 27% sono a favore delle infrastrutture ferroviarie (vedi tabella sotto)". 

SPESE LEGAMBIENTE-2Il recente abbandono da parte della Regione di alcuni progetti stradali, come il Passante nord bolognese, lascia lo spazio per rinegoziare i fondi preventivamente destinati (in questo caso 1300 milioni di euro nelle casse di Autostrade) per un miglioramento del servizio di viabilità a 360°.  
Altra strada da battere - per Legambiente - è quella di "applicare un sovrapedaggio al traffico merci di attraversamento alla regione", destinando tali risorse al miglioramento dei servizi su ferro, e a presidi ambientali contro l’inquinamento. Si tratta di una "misura assolutamente giustificabile data la cronica emergenza smog per la Pianura padan"a, e peraltro già attuata sul pedaggio dello stesso nodo bolognese.

NUOVI TRENI. Durante l’anno sono arrivate alcune buone notizie per i pendolari, come l’acquisto nel dicembre 2015 del primo dei 7 nuovi elettrotreni Stadler che entreranno in servizio nei prossimi mesi sulle linee ferroviarie regionali, e che fanno seguito all’acquisto dei 12 treni “gemelli” già circolanti dal 2013.

Un aspetto importante per semplificare la vita ai pendolari della regione sarà inoltre la fornitura di nuovi treni previsti dal contratto di servizio regionale, e l’allungamento dei convogli, soluzioni in grado di ridurre i guasti ed i disservizi, come quelli agli impianti di condizionamento estivi ed invernali, ed evitare l’effetto “carri bestiame” che spesso si ha negli orari di punta. Il contratto di servizio, chiuso a metà 2015 con l’affidamento all’ATI Tper-Trenitalia, prevede la fornitura di 30 nuovi convogli entro il 2018.

"Risulta però indispensabile accorciare i tempi della consegna - esortano gli ambientalisti - per dare risposte alle esigenze dei pendolari. Un percorso   annunciato dalla stessa Regione che ha promesso la partenza di 15 convogli entro il 2016. L’associazione auspica che "le aziende gestrici sappiano confermare tale impegno", garantendo l’avvio di ulteriori nuovi treni anche nel 2018.
Le criticità del servizio sono però ancora molte, fa notare Legambiente: "In primis quelle del nodo bolognese, dove sono palesi le carenze dell’incompleto Servizio Ferroviario Metropolitano, che vede i suoi apici nelle soppressioni, nei ritardi e nei mancati investimenti su linee come la Porrettana, la Vignola-Bologna e la Bologna-Portomaggiore, il sovraffollamento nei treni che viaggiano sulla direttrice principale (Piacenza-Rimini), e il pessimo stato delle stazioni e dell’informazione all’utenza in linee come la Bologna-Firenze e la Bologna-Poggio Rusco".

La ricetta degli ambientalisti per invertire la rotta? Implementare il trasporto pubblico e la mobilità dolce, spostando gli investimenti da inutili strade ed autostrade verso il trasporto pubblico su ferro. L’obiettivo deve essere il raggiungimento della quota di riduzione sotto il 50% degli spostamenti individuali in auto in ambito urbano e periurbano, attraverso il vincolo del 50% di investimenti per le opere di trasporto pubblico locale. Tale obiettivo può essere raggiunto "esclusivamente" tramite la creazione di un’Agenzia Regionale dei Trasporti che si occupi di pianificazione del TPL, mobilità dolce, appalti, vigilanza sul servizio e mobility management. Aspetto non secondario per l’appetibilità del trasporto pubblico locale su scala regionale è la "rapida entrata in vigore di un sistema di tariffazione integrata unico per tutta la regione", in grado di consentire l’utilizzo di tutti i mezzi di trasporto, inclusi anche i servizi di car sharing e bike sharing, mediante una tessera elettronica ricaricabile ed utilizzabile a consumo, accompagnata da un sistema “smart” efficiente in grado di fornire informazioni dettagliate su orari, fermate e coincidenze attraverso le più moderne tecnologie mobili.
In ultimo costruire una strategia sovra-regionale, basata su seri investimenti in grado di consentire la connessione tra porti, interporti e rete ferroviaria, per favorire la logistica intermodale delle merci nel nord Italia.

L'ASSESSORE DONINI: REGIONE PRONTA.  "Quel che ci chiede Legambiente lo stiamo già facendo con atti concreti di governo: in Emilia-Romagna ci sarà un investimento di oltre 1 miliardo di euro nel sistema ferroviario regionale fra nuovo materiale rotabile, riqualificazione delle stazioni e messa in sicurezza della rete ferroviaria, e un abbattimento di oltre 500 ettari di rete autostradale grazie alla scelta compiuta da quest’amministrazione di non realizzare la E55 e trovare un’alternativa al Passante Nord”. Così l’assessore regionale alle Infrastrutture e Trasporti Raffaele Donini risponde a Legambiente.

“Se guardiamo agli interventi  prioritari contenuti nell’Intesa con il Governo – prosegue Donini – le infrastrutture ferroviarie previste rappresentano il 48,6% del totale (erano il 29% nel 2013), quelle stradali il 41,3% (erano il 64%). In priorità 1 trovano collocazione i lotti di potenziamento per la linea ferroviaria Pontremolese, che significa 2 miliardi complessivi di investimento”.
Sempre nella nuova proposta di Intesa, “viene confermata dunque la strategicità degli interventi ferroviari, la scelta di potenziare la rete e di migliorare il servizio passeggeri. Siamo certi – conclude l’assessore – che il potenziamento del sistema ferroviario regionale, compreso il trasporto merci, sia uno dei principali fattori di competitività del territorio. Ed è per questo che siamo pronti al salto di qualità”.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Bologna usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scambia la moglie per un ladro e chiama i Carabinieri

  • Ubriaca sul davanzale, cade giù dal terzo piano

  • Esce di strada, l'auto finisce nel canale: c'è un morto

  • Ozzano, maxi rissa davanti a locale: spunta un coltello, 2 feriti

  • Perturbazione meteo, previsione nevicate: Autostrade mette in guardia

  • Neve in arrivo, non solo in Appennino: "Fiocchi anche in collina e possibili sorprese in pianura"

Torna su
BolognaToday è in caricamento