SlOway: a Bologna il salone di bellezza agricosmetica sostenibile

L'idea nata da una nuova collaborazione con l'hair style Luca Sparti Cesari e l'azienda Oway

Oway in via Ugo Bassi a Bologna compie un anno, e per festeggiare amplia gli spazi e presenta il nuovo salone di bellezza sostenibile 'SlOway'. Un luogo unico nel suo genere, dove si rispecchia a pieno la filosofia dell'Ortofficina nata sui colli bolognesi. Un 'giardino' nel cuore della città, dove al centro dell'attenzione c'è la cura e l'attenzione dei capelli, e della persona. In perfetto stile Organic Way, il nuovo piano del negozio ha arredi e strutture ecologici, senza plastiche, composti da legno di tiglio e noce biondo, metalli, vetro e pietra serena prodotta nel territorio emiliano. Ed è qui che Luca Sparti Cesari si prenderà cura delle clienti. Professionista nella cura e nel taglio dei capelli, Cesari ha intrapreso la sua carriera da parrucchiere a 20 anni, trasferendosi poi a Londra dove ha lavorato con i migliori esponenti del settore al mondo, acquisendo tecniche e strumenti, riuscendo a creare uno stile unico e personale.

Luca Sparti Cesari, la carriera

Nato a Bologna, e con oltre 20 anni di esperienza, si è fatto largo nel mondo dell'hairi styling a Londra. E dopo anni all'estero ha deciso di tornare a casa, offrendo ai clienti tutto il suo bagaglio professionale, ricco di contaminazioni e di suggestioni internazionali. Fondatore e direttore nella capitale inglese del salone Concrete,  è stato più volte riconosciuto per la sua precisione e per le sue innovazioni, soprattutto in ambito stilistico. Docente in importanti accademie di settore, ha contribuito a prestigiosi progetti formativi e partecipato a numerosi fashion show a Londra, New York, Parigi e Milano.

Lo abbiamo incontrato all'inaugurazione del nuovo salone, e ci ha spiegato nel dettaglio cosa offre questo spazio dove il benessere di cute e capelli sono al centro dell'attenzione, e la biodinamica è un elemento importante...

Cesari, come nasce la collaborazione con Oway?

Casualmente ho avuto modo di conoscere i prodotti Oway e me ne sono innamorato subito. Sia per la qualità che per la filosofia dell'azienda. Parliamo di prodotti naturali, coltivati sulle colline bolognesi, e già questo è una grande novità. L'attenzione e la cura del dettaglio si sposano con la mia professione. Avevo intenzione di tornare in Italia e avviare qualcosa di unico, e parlando è nata questa bellissima sinergia. Il negozio in via Ugo Bassi ha festeggiato il primo anno di attività, e abbiamo pensato di festeggiare presentando il nuovo salone, che sarà attivo dal 4 giugno.

Quali novità porta a Bologna?

Diciamo che entrare in questa attività porta a un percorso 'emozionale'. Si attraversano due piani del negozio, e le note agrumate, musiche rilassanti e luci accompagnano il cliente in quella che sarà qualche ora dedicata solo a se stesso. La biodinamica è al centro dell'attenzione, e la mia lunga esperienza all'estero porta sicuramente delle innovazioni nel campo dell'hair style. A Bologna ora c'è un salone di bellezza esclusivo, dove competenza e passione si uniscono a pieghe biodinamiche, colorazioni ristrutturanti e leviganti, tagli, styling e trattamenti agricosmetici.

Qual'è la filosofia del nuovo salone?

E' uno spazio che è stato creato all'ultimo piano del negozio, basta sul concetto 'slow'. La cura e il benessere hanno bisogno di tempo e attenzione, e avevo la necessità di creare un luogo dove non ci fossero ritmici frenetici. E qui è possibile prendersi tutto il tempo necessario. Non ci sono molte sedute perché ogni singolo cliente viene seguito, e anche l'allestimento è eccezionale. Rispecchia a pieno la filosofia Owey e quello che avevo in mente. 




 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sente rumori sospetti in casa e spara, ucciso un uomo

  • Scomparso nella notte, ritrovato morto in un campo

  • Whoopi Goldberg a Bologna: da Hollywood alle osterie del centro

  • Lega: "A Bologna party universitario blasfemo, intervenga il Rettore"

  • Morti in incidenti stradali: Bologna la più colpita, diventa obbligatorio l'alcol-lock

  • Rifiuti, stop indifferenziata porta a porta: da oggi si usa solo la Carta Smeraldo

Torna su
BolognaToday è in caricamento