L'Alma Mater regala una borraccia a matricola: "Continua la lotta alla plastica"

Il nuovo progetto arriva dopo l'installazione di erogatori d'acqua in molte sedi dell'ateneo e la costituzione di uffici dedicati alla sostenibilità. Una mail avviserà gli studenti per il ritiro del gadget

Una borraccia in regalo per i nuovi studenti iscritti all'Alma Mater: è l'ultimo progetto messo in campo dall'Ateneo nella lotta al consumo di plastica, approvato dal Consiglio studentesco e dagli altri organi per l'anno accademico 2019\2020, con il contributo di Fondazione Carisbo.

Si tratta di una delle tante azioni in cantiere del Progetto multicampus sostenibile dell'Università di Bologna che, da qualche anno, investe sulla sensibilizzazione e la diffusione di comportamenti sostenibili a Bologna e nei Campus romagnoli.

L'Alma Mater nel 2018 ha infatti avviato Plastop, un piano er eliminare progressivamente la plastica negli spazi di Ateneo. La sperimentazione è partita con l'installazione di una casina dell’acqua e di erogatori presso il nuovo Campus di Cesena, con l'intento di estendersi in altre sedi di Ateneo.

Gli studenti potranno quindi riempire la propria borraccia presso le casine dell'acqua che saranno installate, nei prossimi mesi, nei punti più strategici dell’Ateneo, sia a Bologna che in Romagna.

Le borracce dell'Alma Mater, realizzate col sostegno di Fondazione Carisbo, saranno prodotte dalla ditta che ha vinto l'appalto, 24bottles, che garantirà una produzione a impronta ambientale neutra, grazie a uno specifico progetto di ripiantumazione, oltre alla collaborazione con l’Università di Bologna su altre iniziative nel campo della sostenibilità ambientale.

Tutti i nuovi studenti iscritti a.a. 2019/20 potranno ritirare le borracce presso l'UniboStore di piazza Verdi e presso il Centro Universitario Sportivo di Bologna (CUSB) e delle sedi decentrate, nei tempi e modalità che l’Ateneo comunicherà loro via mail nel mese di dicembre 2019.

Plastica monouso

"I progetti dell'Alma Mater sulla sostenibilità ambientale - affermano da via Zamboni - non si fermano qui perché, dalla scorsa primavera, in quattro sedi di Ateneo, a Bologna, sono stati eliminati anche i bicchieri e le palette di plastica da alcuni distributori automatici per determinarne e testarne la fattibilità tecnica. A seguito di riscontri positivi, nei prossimi mesi questa misura sarà estesa all’intero Ateneo grazie alla collaborazione del gestore del servizio di distribuzione automatica".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'obiettivo è quello di eliminare la plastica monouso anche per i servizi di ristorazione: i nuovi contratti di Ateneo prevedono infatti piatti, posate, stoviglie di carta o in materiale biocompostabile e man mano che arrivano a scadenza le concessioni esistenti, l’obbligo viene esteso progressivamente a tutti i punti di ristorazione Unibo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus Emilia-Romagna, bollettino 23 maggio: +43 positivi, 193 guariti e calo dei casi attivi

  • Al fiume con gli amici, scompare tra i flutti: ragazzo trovato morto nel fiume Idice

  • Offerte lavoro Bologna fisso mensile

  • Nuova ordinanza Bonaccini: da lunedì aprono centri sociali, circoli, parchi tematici e riprendono gli stage

  • Spostamenti tra regioni in dubbio, Bonaccini: "Prudenza alta, si rischia la chiusura" 

  • Bollettino Covid Bologna 18 maggio: vicini a zero casi, ma ancora 4 morti | GRAFICI E DATI, COMUNE PER COMUNE

Torna su
BolognaToday è in caricamento