Basket city, cinque giocatori-simbolo della storia della Fortitudo

Da Shull a Myers, alcuni dei protagonisti che hanno fissato il mito della Effe sotto le Due Torri

Basket city. Questo l'appellativo che, storicamente, si usa quando si parla di pallacanestro a Bologna. In origine erano ben sei le squadre di basket che giocavano sotto le due torri. Il derby per antonomasia però è sempre stato Fortitudo-Virtus, una sfida che per anni si è rinnovata, fino a toccare quota 105 gare disputate.

Basket city, cinque giocatori-simbolo della storia della Virtus

Nata formalmente nel 1962 e considerata la squadra più popolare, da sempre ha duellato con la sua acerrima avversaria, la Virtus, una società ritenuta più vicina agli ambienti della borghesia e del ceto medio-alto. Nel 2005 il secondo dei due scudetti nel palmares per la Effe scudata, poi una lunga stagoine di alti e bassi, fino alla tempesta societaria che la dovette far ricominciare dai campionati dilettanti regionali. Solo nel 2012, al termine di una lunga vicenda fallimentare, i biancoblu ripresero a giocare nel campionato nazionale. Qui di seguito abbiamo raccolto una selezione dei giocatori più significativi per la storia fortitudina, campioni che hanno segnato la 'golden era' della formazione dell'Aquila.

Potrebbe interessarti

  • Perché assumere magnesio è importante: tutti i cibi che lo contengono

  • 7 alimenti che fanno ingrassare invece che dimagrire

  • Un faro in montagna? Esiste a Gaggio Montano

  • Vetri e specchi: come togliere definitivamente gli aloni

I più letti della settimana

  • Nuova rotta Ryanair: da Bologna a Kutaisi due volte a settimana

  • Concorsi pubblici, Unibo cerca 57 amministrativi: c'è tempo fino al 5 settembre

  • San Lazzaro, azzarda un'inversione e provoca incidente: incastrato dalle telecamere

  • Perché assumere magnesio è importante: tutti i cibi che lo contengono

  • Incidente a Monterenzio: Suv si ribalta e blocca la carreggiata, disagi al traffico

  • Furto in casa: svaligiano la camera mentre i proprietari dormono

Torna su
BolognaToday è in caricamento