Bando adolescenti 2015: dalla Regione in arrivo 600mila euro

Saranno destinati alla realizzazione di interventi da parte di soggetti privati senza scopo di lucro. Gualmini: "Gli adolescenti, il nostro futuro: qualsiasi iniziativa per ridurre il disagio o migliorare competenze e formazione per noi è rilevantissima"

Un nuovo bando regionale da ​600mila euro (100mila in più rispetto agli anni passati) per interventi e attività a favore di preadolescenti e adolescenti.

Ai contributi previsti potranno accedere, come di consueto, associazioni di promozione sociale, organizzazioni di volontariato, cooperative sociali, oratori, parrocchie. Sullo stanziamento complessivo, 150mila euro vanno a sostegno di progetti di valenza regionale e 450mila per progetti di valenza territoriale. La cifra è stata articolata su base distrettuale, in rapporto alla popolazione residente di età tra gli  11 e i 17 anni, destinataria delle attività.

Per la vicepresidente e assessore alle Politiche di welfare Elisabetta Gualmini “gli adolescenti sono il nostro futuro, una generazione di mezzo spesso lasciata nell’ombra rispetto all’infanzia e all’età adulta. Noi invece puntiamo su di loro, perché saranno loro a disegnare e a progettare la società  di domani. Qualsiasi iniziativa tesa a ridurre il disagio oppure a migliorare le competenze e la formazione per noi è rilevantissima”.

Ci sono 30 giorni di tempo (da oggi, data della pubblicazione del bando sul BURERT) per inviare la domanda d’ammissione ai contributi. Tra gli obiettivi indicati, c’è la promozione dell’offerta di opportunità educative per il tempo libero e delle diverse forme di aggregazione, valorizzando gli interventi già esistenti e tenendo conto della realtà scolastica e comunitaria, in modo da ottimizzare e sviluppare risorse e opportunità presenti sul territorio.
Altro obiettivo è il sostegno ad attività di carattere educativo e sociale (di oratorio o simili, di scoutismo), e di attività educative di sostegno a favore di adolescenti e preadolescenti con difficoltà. Infine, c’è la promozione dell’educazione tra pari, in modo da valorizzare il protagonismo dei ragazzi e sviluppare la loro capacità di aiutarsi tra coetanei. Rispetto agli anni scorsi ci sono alcune novità, a partire dalla valutazione di merito dei progetti  territoriali, che sarà realizzata dagli uffici di piano competenti sulla base di criteri di valutazione indicati nel bando stesso. Tra questi criteri viene attribuita una rilevanza particolare all’attivazione di reti, sia tra i vari soggetti privati, sia per sinergie e collaborazioni con i soggetti pubblici. 
QUI IL BANDO.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid -19: dove e come fare il test sierologico a Bologna

  • Pianoro, tragico incidente lungo la Futa: morto un giovane motociclista

  • Coronavirus, bollettino 29 maggio Bologna e provincia: la situazione comune per comune

  • Riaprono i confini, controlli serrati in autostrada: maxi-sequestro di Vespe rubate in A1

  • Tragedia a Loiano: travolto da un tronco, muore a 43 anni

  • Coronavirus, bollettino Emilia-Romagna: +38 casi, 24 trovati tramite screening

Torna su
BolognaToday è in caricamento