Ognissanti: gita nei borghi medievali colorati d'autunno

Mercoledì 1°novembre ricorre la festività di Ognissanti: come trascorrere questa giornata? Viste le temperature e il meteo, una delle idee è una gita fuori porta alla scoperta dei bellissimi borghi medievali a pochi chilometri da Bologna

L'autunno che colora la natura rende ancora più suggestivi dei luoghi meravigliosi già di per sè. Quest'anno la festa del 1°novembre cade di mercoledì e non essendoci il "ponte"una delle idee per trascorrerla al meglio è godersi i dintori di Bologna alla scoperta dei suoi bellissimi borghi medievali. 

Ecco i borghi medievali perfetti per una gita fuori porta d'autunno: 

1. DOZZA, Dozza Imolese. La Rocca di Dozza (Imola) è un complesso monumentale di origine medievale trasformato da Caterina Sforza in castello fortificato e adibito, in epoca rinascimentale, a residenza nobiliare. La Storia della Rocca è fatta di evoluzioni architettoniche e trasformazioni Le origini della Rocca risalgono al sec. XIII. Nel corso del Medioevo, la posizione strategica al confine tra Bologna e la Romagna, rende la fortezza di Dozza oggetto di forti contese. Gli annali storci citano nel corso del Trecento l’egemonia dei bolognesi, poi il governo del signore di Romagna, Ricciardo Manfredi, del legato papale Cardinale Egidio Albornoz, ed ancora dei Bentivoglio, a segnare il rientro nella sfera di Bologna. La Rocca fu senz’altro oggetto di modifiche, distruzioni, ricostruzioni, tuttavia non possediamo descrizioni o piante dell’antico castello. Scavi, ritrovamenti e rilievi condotti in occasione dei restauri architettonici hanno consentito di elaborare un’ipotesi stratigrafica dell’impianto. E’ stato rinvenuto l’arco dell’antico portale di ingresso decorato con simbologie araldiche. Un altro elemento riferibile al periodo medievale è l’impianto del mastio leggibile nelle stanze interne della Torre Maggiore. La torre, composta di tre stanze a pianta quadrata, voltate in muratura, sovrapposte fra loro, collegate da una scala interna e dotate di una cisterna per l’approvvigionamento dell’acqua, costituiva un nucleo abitativo autonomo in cui ci si poteva rifugiare durante i lunghi assedi. A partire dal 1960 la Rocca è di proprietà del Comune, che ne ha fatto una Casa Museo aperta al pubblico. Essa è il cuore e il simbolo della città. La sua presenza ha fortemente condizionato la forma dell’abitato di Dozza, un borgo castellano che le si distende innanzi e che raccoglie in essa la sua memoria storica. Il borgo di Dozza è famoso per La Biennale del Muro Dipinto. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Grave lutto per Cesare Cremonini: morto il papà Giovanni

  • Lutto all'Alma Mater: morto a 94 anni Alfonso Traina, professore emerito, filologo e latinista

  • Funerale Giovanni Cremonini, in centinaia per l'ultimo saluto al babbo di Cesare

  • Piazzola sospesa per due giorni, gli ambulanti protestano

  • Esce di casa e non torna, trovato di notte nel fiume

  • Medicina: si ubriaca, picchia tutti e danneggia il bar

Torna su
BolognaToday è in caricamento