Rientro anti-traffico dal mare: gli Stradelli Guelfi

Una valida alternativa all'autostrada e alle code tipiche degli esodi e dei rientri, questi "stradelli" dove almeno una volta ci siamo tutti persi trasformano un itinerario in un viaggio nel territorio

Gli Stradelli Guelfi, una leggendaria 'scorciatoia' (un ponte spazio-temporale?) che salverebbe i bolognesi che si dirigono verso il mare e rientrano in città nelle giornate da bollino nero, proprio come in questo periodo estivo di ripresa post ferie. Attraggono e intimoriscono al tempo stesso perchè in pochi possono dire di conoscerli davvero. Si tratta di un centinaio di chilometri che collegano Bologna a Cervia. 

Il vantaggio di questa scelta è anche un'altra però: non solo si riescono ad evitare le code in autostrada, ma è possibile godere di un itinerario pieno di sorprese e soprattutto di sapori, visto l'elevato numero di trattorie e ristoranti disseminati lungo il percorso. Rassicurante il fatto che con l'avvento del digitale, grazie a un navigatore satellitare e a qualche dritta, perdersi sia diventato difficile (laddove prima non lo era affatto). 

Al ritorno dal mare si parte dunque da Cervia o da Cesenatico, dopo la SS16 Adriatica si passa da Castiglione di Ravenna e incrociando la E45 si oltrepassano San Pietro in Vincoli e San Pietro in Campiano. C'è poi Prada (una sosta possibile alla Trattoria La Miseria) e si supera la SS302 per varcare il fiume Lamone, arrivare a Cotignola e poi ancora a Bagnara di Romagna. 

C'è poi Mordano e un tratto sulla Statale 10 fino a Sasso Morelli (qui la trattoria La Sterlina). Via verso Castel Guelfo. Dopo Castel Guelfo (e magari una cena a La Rocca Guelfa), eccoci a Ponte Rizzoli, e a questo punto è fatta: Bologna è vicina, San Luca già quasi visibile e si è praticamente a San Lazzaro zona Caselle. 

Punti di maggiore interesse culturali segnalati da www.percorsialternativi.it

1. Cervia

  • Grande centro balneare con millenaria salina

2. Pisignano

  • Pieve di S. Stefano con Mitreo (culto del dio Mitra), sec. X

3. S. Pietro in Campiano

  • Chiesa sec. XVIII
  • Pieve Romanica sec. IX in S. Cassiano in Decima

4. S. Pietro in Trento

  • Villa Ramona
  • Pieve Romanica

5. Russi

  • Rocca
  • Chiesa S. Apollinare, ‘700
  • Chiesa S. Maria dei Servi
  • Ottocentesca Pescheria e Porta Nuova
  • Scavo di Villa Romana di età augustea

4. Cotignola

  • Chiesa di San Francesco, tardo romanico
  • Museo Varioli

5. Bagnara di Romagna

  • Borgo storico
  • Santuario B.V., 1853

6. Mordano

  • Chiesa e Monastero San Francesco, sec. XII
  • Chiesa S. Eustachio, sec. XIV
  • Torri, sec. XIX

7. Castel Guelfo

  • Chiesa delle Pioppe, sec. XVI
  • Palazzo del Podestà, sec. XV
  • Bastioni, sec. XV

8. Località Poggio Piccolo

  • Santuario Madonna B.V.

9. Località Poggio Grande

  • Villa Rodriguez

10. Dopo Ponte Rizzoli

  • Villa Isolani
  • Villa Angelica

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il figlio di Vasco Rossi Lorenzo si è sposato: tutta la felicità in una foto

  • Grave lutto per Cesare Cremonini: morto il papà Giovanni

  • Tre appartamenti all'asta in via Amendola: il bando Invimit scade il 20

  • Lutto all'Alma Mater: morto a 94 anni Alfonso Traina, professore emerito, filologo e latinista

  • Piazzola sospesa per due giorni, gli ambulanti protestano

  • Funerale Giovanni Cremonini, in centinaia per l'ultimo saluto al babbo di Cesare

Torna su
BolognaToday è in caricamento