Vaccini: ecco le nuove regole per iscriversi al nido

L'amministrazione è tenuta ad acquisire le informazioni relative all'assolvimento dell'obbligo da parte di tutte le famiglie i cui bambini sono già iscritti al nido e frequenteranno l'anno educativo 2017-2018. Ecco come procedere

L'obbligo di essere vaccinati per l'iscrizione al nido è legge, così il Comune di Bologna ha inviato alle famiglie di 1.580 bambini – già iscritti ai servizi educativi per la prima infanzia e in procinto di frequentare l'anno educativo 2017/2018 – una comunicazione sulle nuove regole stabilite dalla Legge Regionale numero 19 del 25 novembre 2016. Le linee guida predisposte dalla Regione Emilia-Romagna prevedono che il minore abbia assolto alle vaccinazioni secondo un calendario che prevede la somministrazione di almeno una dose entro i 6 mesi di vita; due dosi entro il primo anno di vita e tre dosi entro i primi 18 mesi di vita. 

L'amministrazione è dunque tenuta ad acquisire le informazioni relative all'assolvimento dell'obbligo da parte di tutte le famiglie i cui bambini sono già iscritti al nido e frequenteranno l'anno educativo 2017-2018. E' necessaria perà l'autorizzazione dei genitori per avere tali informazioni direttamente dall'Azienda USL oppure, in caso contrario, gli stessi dovranno presentare direttamente la documentazione necessaria all'Ufficio scuola del loro Quartiere di residenza: "Questa scelta va comunicata compilando il modulo preparato appositamente dopo l'uscita della legge regionale sull'obbligo vaccinale per chi frequenta il nido. Il modulo si compila esclusivamente on line dall'1 al 15 marzo 2017. Per compilarlo occorre collegarsi al portale Scuole On-Line del Comune di Bologna (www.scuola.comune.bologna.it)" rende noto Palazzo D'Accursio. 

Ecco come procedere: 

1) Le famiglie che attraverso il modulo on line autorizzeranno il Comune ad acquisire direttamente dall'AUSL i dati sul proprio bambino, non dovranno più presentare alcuna comunicazione. 

2) Le famiglie che non autorizzeranno il Comune, dovranno richiedere agli sportelli Cup il certificato vaccinale e poi sottoporlo alla validazione della Pediatria Territoriale dell'AUSL ai fini dell'idoneità alla frequenza del nido. Una volta ottenuta questa validazione, il certificato vaccinale va presentato personalmente all'Ufficio scuola del proprio Quartiere di residenza entro l'1 settembre 2017.

3) Nel caso in cui il bambino non sia ancora stato sottoposto alle vaccinazioni obbligatorie, i genitori devono comunicare attraverso il modulo on line l'intenzione di avviare il ciclo vaccinale ed effettuare almeno le prime due dosi di ciascuna vaccinazione entro l'1 settembre 2017. Il ciclo vaccinale, con la terza dose, dovrà essere completato prima della eventuale frequenza per l'anno 2018-2019. Anche in questo caso i genitori possono autorizzare o meno il Comune ad acquisire i dati del proprio bambino dall'AUSL di Bologna.

4) La legge prevede anche il caso di esonero dalle vaccinazioni per i bambini il cui percorso di somministrazioni deve essere omesso o differito esclusivamente per motivi sanitari: in questo caso, ed è sempre indicato nel modulo on line, occorre entro l'1 settembre 2017 presentare all'Ufficio scuola del Quartiere di residenza l'idoneo certificato medico del pediatra di base autorizzato dalla Pediatria Territoriale dell'AUSL. 

5) Attraverso lo stesso modulo on line, i genitori possono dichiarare che non intendono vaccinare il proprio bambino, consapevoli che in tal modo ne sarà preclusa la frequenza al servizio del nido d'infanzia. Dunque se entro l'1 settembre il bambino non sarà in possesso dell'idoneità vaccinale non potrà frequentare il nido nell'anno educativo 2017-2018, né potranno frequentare i bambini i cui genitori non avranno fornito al Comune le informazioni necessarie a verificare tale idoneità. I posti che erano occupati da questi bambini verranno messi a disposizione di altri richiedenti in graduatoria. 

Per ulteriori chiarimenti le famiglie possono rivolgersi all'Ufficio scuola del proprio Quartiere di residenza. Tutte le informazioni sulla procedura sull'obbligo vaccinale, oltre che via mail direttamente alle famiglie interessate, saranno diffuse anche attraverso le bacheche e gli operatori di tutti i nidi della città. 
 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti