Zingaretti: "Proporrò come Presidente Valentina Cuppi, sindaca di Marzabotto"

Se verrà eletta presidente dell’assemblea nazionale PD "per la prima volta al vertice del partito ci saranno tre donne"

Foto FB

"All’assemblea nazionale del partito di sabato proporrò come Presidente una giovane donna, Valentina Cuppi, sindaca di Marzabotto". Lo ha scritto il segretario del PD Nicola Zingarettti "credo che Valentina possa rappresentare al meglio il percorso di apertura che stiamo costruendo insieme a tutta la nostra meravigliosa comunità democratica, agli iscritti e a chi guarda dall’esterno al lavoro che stiamo facendo per coinvolgere le persone nel progetto di rinascita dell’Italia".

L'assemblea si riunirà sabato 22 febbraio presso l'Auditorium della Conciliazione (via della Conciliazione 4, Roma). I lavori avranno inizio alle ore 10.30. 

"Valentina è una sindaca e questo rappresenta un ulteriore passo in avanti nella direzione auspicata di un coinvolgimento maggiore degli amministratori democratici nella vita del partito, di tutti i sindaci che ogni giorno si misurano con la vita reale dei cittadini e che saranno protagonisti del nuovo Partito Democratico che vogliamo costruire - continua il segretario - a partire da Marzabotto, città simbolo del sacrificio di tanti uomini e tante donne vittime dei crimini nazifascisti contro l’umanità. Combatteremo l’odio con una battaglia culturale ed una mobilitazione che coinvolgerà tutti gli italiani. Se Valentina verrà eletta presidente dell’assemblea, sarà affiancata dalle vicepresidenti Anna Ascani e Debora Serracchiani e per la prima volta al vertice del partito ci saranno tre donne".

Mentre l'assessore comunale Matteo Lepore, esprime un forte apprezzamento, la consigliera Raffaella Santi Casali non risparmia toni duri: "Zingaretti si sogna di notte nomi a casaccio per la presidenza del pd. Unici criteri, sempre a casaccio: donna e non del Pd". Cuppi, ex Sel, un anno fa entrò nel comitato bolognese nato a sostegno della corsa di Zingaretti alle primarie per la segreteria. La mossa di Zingaretti sarebbe "una sfida alla pazienza e alla intelligenza. E anche alla dignità", attacca Santi Casali, renziana della prima ora ma non transitata in Italia Viva. Per Lepore invece quella di Zingaretti è invece "una una bella scelta che fa onore alla storia della nostra terra e rappresenta un riconoscimento per il lavoro anonimo e coraggioso di tanti amministratori locali che si prendono cura del nostro Paese dal basso".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus Bologna e provincia, bollettino 29 marzo: i dati comune per comune

  • Coronavirus Emilia Romagna, bollettino 30 marzo: contagi +412, 95 morti

  • Cornavirus Emilia-Romagna, bollettino 27 marzo: contagi +772, altri 93 morti

  • Coronavirus, A Bentivoglio le maschere da snorkeling diventano respiratori e protezione per i medici

  • Coronavirus Bologna e provincia, bollettino 31 marzo: i dati comune per comune

  • Coronavirus Bologna e provincia, bollettino 27 marzo: i dati, comune per comune

Torna su
BolognaToday è in caricamento