Il campione NBA alla Virtus. Lega: “Il Comune non può pagare”

Bernardini attacca l'intenzione di far giocare il campione del Lakers nella Virtus: "Grande pensata! Mancano i soldi e il pubblico deve sborsare fior di denaro per un giocatore di basket!"

Il campione dei Lakers in azione

“Onore e merito al patron Sabatini se riesce a portare, anche solo per una " toccata e fuga" il grande Kobe a Bologna! Grande pensata.”. Questo l’incipit di una nota pubblicata dal leghista Manes Bernardini  in commento all’acquisto del giocatore Kobe Briant da parte della Virtus con un contributo “notevole” del Comune di Bologna.

IL COMUNE SBORSEREBBE IL 50%. “Quel che stride però, a nostro parere – continua Bernardini - é il ruolo del " pubblico. Il Comune, in testa, pare sollecitare addirittura interventi economici a sostegno di questa costosa e, non tutta capita operazione di marketing, da parte di "società pubbliche partecipate" quali aeroporto e fiera che nulla centrano al riguardo.” E il Carroccio fa notare che “Con l'aria che tira, economica-finanziaria-occupazionale, sarebbe meglio avere attenzione più diretta e produttiva per i problemi del nostro territorio, dedicandogli tutte le energie anche pubbliche. Ad esempio i problemi del lavoro, in specifico quello oggi dei lavoratori della Magli e della Corticella, che certamente non navigano certo in acque tranquille.

GLI ASSESSORI RIZZO NERVO E LEPORE. Sul  possibile arrivo di Kobe Bryant alla Virtus Bologna ecco le dichiarazioni degli  assessori allo Sport Luca Rizzo Nervo  e al Marketing  territoriale Matteo Lepore. "L'arrivo  di   Kobe  Bryant  a  Bologna  rappresenterebbe un  evento straordinariamente importante  per  la  città.  Per  quanto  ci  riguarda, l'amministrazione  comunale  è  pronta  a  fare  squadra per valorizzare al massimo  questa  grande  occasione  di  ribalta internazionale sotto le Due Torri. L'ingaggio  della  stella  NBA  numero  uno rappresenta a tutti gli effetti un'operazione  imprenditoriale  e  come tale va gestita, ma è chiaro che le ricadute  per  Bologna sarebbero tante e andranno colte da tutto il sistema locale,  per  questo ci dichiariamo da subito disponibili a mettere attorno ad un tavolo le categorie economiche e i soggetti interessati. Sappiamo  di alcune difficoltà nelle ultime ore, ma vogliamo credere che il movimento   cestistico   italiano sappia far prevalere  questa  immensa opportunità a ben più banali questioni burocratiche”.

LE CIFRE. La cifra d’ingaggio offerta è di 800mila dollari lordi a partita (600mila netti), ma il vero scoglio sono le spese assicurative. Già qualche giorno addietro, Sabatini aveva dichiarato:  “Se dobbiamo rompere il salvadanaio, lo rompiamo insieme alla città di Bologna. Ringrazio l’assessore allo sport del Comune di Bologna, Rizzo Nervo, che ha rilanciato la proposta di sostenere i costi del 50% allargandolo all’imprenditoria bolognese tutta.

IL NO DELLA LEGA. “Il pubblico non può e non deve, a parere della Lega Nord, sborsare direttamente o indirettamente neppure un euro in questa operazione.” Conclude Bernardini “Fino a ieri Comune e Regione piangevano miseria denunciando seri problemi di bilancio, mentre oggi invitano a sgomitare per entrare in "cordate"  al fine di rastrellare cifre astronomiche per " mission" che potrebbero durare 4 tempi da 10 minuti. Devono essere i tanti privati, con i loro indubbi ritorni pubblicitari,a far fronte a questa operazione. Il " pubblico", tutto ,non ha più neppure" gli occhi x piangere e se ha qualcosa investa pure, ma per un qualcosa che duri di più di uno scorcio di partita.”

NBA IN SCIOPERO. Il campionato statunitense NBA è fermo a causa dello scontro tra l’associazione dei proprietari delle squadre e quella dei giocatori: proprio a causa di questo “sciopero” che molti dei campioni americani potrebbero giocare in Europa per un breve periodo o solo per qualche partita. Il problema fra le due parti riguarderebbe la clausola eticamente dignitosa del salary-cap: i presidenti vorrebbero un tetto d’ingaggio oltre il quale non far andare gli stipendi dei loro dipendenti, mentre i giocatori chiederebbero di mantenere l’attuale mancanza di limiti nelle cifre contrattuali.

BRYANTSENIOR. Già il padre di Kobe, Joe Bryant,  ha vissuto e giocato in Italia,  prima a Rieti e Reggio Calabria, poi in Emilia Romagna, a Reggio Emilia. E proprio in questo periodo il figlio aveva già giocato nel nostro Paese.

I PRIMI CAMPIONI NBA IN ITALIA. In Italia sono già arrivati Keith Benson degli Atlanta Hawks alla Dinamo Sassari,’Twaun Moore dai Boston Celtics alla Benetton Treviso e DaJuan Summers da Detroit alla Montepaschi Siena.  
 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il figlio di Vasco Rossi Lorenzo si è sposato: tutta la felicità in una foto

  • Castenaso: morto Dino, il re della pasticceria

  • Cerca di fuggire dalla gazzella dei carabinieri con l'apecar: è ubriaco

  • Dramma a Pianoro: 50enne trovato morto in albergo

  • Tre appartamenti all'asta in via Amendola: il bando Invimit scade il 20

  • Ludopatia e chiusura centri scommesse: "Costretto a licenziare, ora disoccupato anche io"

Torna su
BolognaToday è in caricamento