Bibbiano, Bonaccini: "Se colpevoli, voglio pene esemplari"

Il presidente di Regione si trova d'accordo con le conclusioni della commissione Limonda ma prende le distanze dal termine che scatenò polemiche. "Ma non c'è una emergenza affidi". Anunciati correttivi al sistema

Stefano Bonaccini difende le conclusioni della commissione d'inchiesta sugli affidi dei minori istituita in Regione all'indomani del caso Bibbiano. E annuncia correttivi perché casi come quello al centro dell'inchiesta nel reggiano non si verifichino mai più. Per il presidente della Regione servono norme "più cogenti e omogeneità nell'applicazione in tutto il territorio regionale".

Per questo immagina un "percorso di qualità sempre monitorabile e cogente per i professionisti coinvolti" e meccanismi di "autocontrollo sistematico". Quanto all'inchiesta sugli affidi in Val d'Enza il governatore Pd chiede fin da ora "pene esemplari" se le accuse nei confronti degli indagati saranno confermate in un eventuale processo, nel quale la Regione si costituirebbe parte civile.

"Non abbiamo mai voluto né nascondere né insabbiare nulla- sostiene Bonaccini, intervenuto oggi in Assemblea legislativa durante il dibattito sulle conclusioni della commissione- nessuno ha mai voluto evitare di parlare di Bibbiano".

Però, secondo il presidente, il lavoro fatto dalle due commissioni regionali, quella tecnica e quella 'politica' che chiude oggi il suo lavoro, confermano che il sistema in se' funziona. "Gli allontanamenti di minori sono nella media nazionale- sottolinea- non è vero che in Italia si allontana di più e nemmeno esiste una anomalia emiliano-romagnola".

Bonaccini prende le distanze dal presidente della commissione tecnica, il professor Limonta, che ha paragonato Bibbiano ad un "raffreddore" in un soggetto sano ("una espressione che non condivido"), ma sottoscrive la sostanza delle conclusioni. I fatti della Val d'Enza, se confermati, "sarebbero gravissimi ma estranei e incompatibili con l'impianto normativo esistente", anche quello regionale.

Comunque, Bonaccini considera "utile l'abbassamento dei toni sulla vicenda, anche a livello nazionale" che ha riscontrato negli ultimi tempi, nonostante la campagna elettorale in corso per le regionali. (Bil/ Dire)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente a Budrio: un morto e un ferito sulla Trasversale di Pianura

  • People Mover, avvio il 7 marzo per la navetta veloce tra aeroporto e stazione

  • Rapina la banca, poi confessa davanti al Giudice: “Mio figlio malato, la paga da operaio non basta”

  • SPECIALE | Elezioni regionali Emilia Romagna 2020: dalle interviste ai candidati a tutte le info utili al voto

  • "Evasione fiscale da 140 milioni di euro": Maxi sequestro della Finanza, anche auto storiche di lusso

  • Avvelenato e lasciato nel parcheggio va in coma e muore dopo 2 giorni: fermati due coniugi

Torna su
BolognaToday è in caricamento