Bugani-Borgonzoni contro l'amministrazione: "Piagnisteo infinito, scaricabarili"

La replica all'Assessore Lepore sui tagli alla Cultura assume toni polemici. Il grillino e la leghista: "A Bologna il sindaco e gli assessori hanno smesso di lavorare preferendo piangere e lagnarsi tutto il giorno"

Lucia Borgonzoni e Massimo Bugani replicano a Matteo Lepore, che ha lanciato un allarme sui tagli alla Cultura criticando in Governo. Così il vicecapo della segreteria di Luigi Di Maio Massimo Bugani parla dell'assessore alla Cultura come "uno dei coccodrilli con più lacrime nel piagnisteo infinito che cerca di scaricare sul Governo tutta l'inefficienza e l'incapacità degli amministratori bolognesi targati PD". 

"A Bologna preferiscono piangere"

Secondo Lepore, infatti, a causa dei tagli alla cultura previsti dal Governo "non so se l'innalzamento della tassa di soggiorno basterà a coprire i fabbisogni ordinari". Tesi che gli esponenti di Lega e 5 stelle respingono al mittente. "Da quando si e' insediato a Roma il nuovo Governo - attaccano Bugani e Borgonzoni - a Bologna il sindaco e gli assessori hanno smesso di lavorare preferendo piangere e lagnarsi tutto il giorno. Un piagnisteo infinito che cerca di scaricare sul Governo tutta l'inefficienza e l'incapacita' degli amministratori bolognesi targati Pd". In questo senso, Lepore "e' uno dei coccodrilli con piu' lacrime. Cercano di nascondere i propri fallimenti trentennali dietro a polemiche sterili contro M5s e Lega. Per non parlare dei Consigli comunali che da tre mesi ad oggi affrontano solo tematiche nazionali che non riguardano in nessun modo Bologna e il benessere dei cittadini". 

Oggi in commissione Lepore "torna a singhiozzare per il taglio del Fus al Teatro comunale - criticano Borgonzoni e Bugani- facendo finta di non sapere che il taglio deriva dai criteri scelti dal Governo Pd e dalle scelte prese dal ministro Franceschini e dal sindaco Merola. Poi piange per il mancato Fus a Laminarie, la famosa associazione culturale diretta dal marito dell'ex assessore Gambarelli, a cui il Comune di Bologna ha dato e continua a dare decine di migliaia di euro senza alcun bando". Secondo Lega e 5 stelle, insomma, "un livello cosi' pietoso e goffo di scaricabarile non si era mai visto, ma assicuriamo Lepore che da Roma l'impegno per il benessere degli italiani e non del singolo amico di questo o di quello continuera', senza sosta e col sorriso sulle labbra".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

(Dire) 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I 4 borghi medievali più belli nella provincia di Bologna

  • Basilica di San Petronio, la chiesa più grande di Bologna: 7 cose da sapere

  • Coronavirus fase 3 | Fiere, congressi, vacanze di gruppo e viaggi in auto: Bonaccini sigla nuova ordinanza

  • Offerte lavoro Bologna fisso mensile

  • Tragedia in Romagna: perde l'equilibrio e sbatte contro la roccia, morta studentessa dell'Alma Mater

  • Coronavirus Emilia-Romagna, il bollettino del 2 luglio: metà dei nuovi contagi a Bologna

Torna su
BolognaToday è in caricamento