DL sicurezza, Merola: "Se non cambia chiamo a raccolta Comuni, associazioni e volontariato"

"Mettiamo in fila le cose: niente soldi per i Comuni per l'accoglienza diffusa dei migranti . Ci saranno grandi centri dove concentrare le persone con meno fondi per vitto e alloggio"

Approvato in Senato il Decreto Sicurezza con 163 sì e 59 no: il sindaco Virginio Merola non ci sta e scrive sui social: "Se il testo non cambia chiamerò a raccolta Comuni, associazioni e volontariato: un altro modo è gia' possibile".

"Mettiamo in fila le cose: niente soldi per i Comuni per l'accoglienza diffusa dei migranti (tre ogni 1.000 abitanti secondo il sistema Sprar). Ci saranno grandi centri dove concentrare le persone con meno fondi per vitto e alloggio", continua il sindaco.

E i migranti "cosa faranno per mesi e mesi? Usciranno per le citta'- sottolinea Merola- e i Comuni si arrangeranno con i servizi sociali e sanitari. E la chiamano sicurezza. Il decreto non prevede il parere dei Comuni su dove insediare i centri: sappiano che il mio sara' contrario".

(Dire) 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Meteo, previsioni per il fine settimana: tornano pioggia e neve

  • Sardine, il 19 gennaio 6 ore di musica e riflessioni: ecco chi salirà sul palco di Piazza VIII agosto

  • Incidente a San Lazzaro: 20enne investito sulle strisce

  • Vuole offrire da bere agli 'amici': invece di ringraziarlo lo aggrediscono e lo rapinano

  • Lutto in città, se ne va la mitica 'Agnese delle cocomere'

  • Incidente a Sasso: scontro camion-corriera, passeggeri bloccati vicino il bordo della rupe

Torna su
BolognaToday è in caricamento