DL sicurezza, Merola: "Se non cambia chiamo a raccolta Comuni, associazioni e volontariato"

"Mettiamo in fila le cose: niente soldi per i Comuni per l'accoglienza diffusa dei migranti . Ci saranno grandi centri dove concentrare le persone con meno fondi per vitto e alloggio"

Approvato in Senato il Decreto Sicurezza con 163 sì e 59 no: il sindaco Virginio Merola non ci sta e scrive sui social: "Se il testo non cambia chiamerò a raccolta Comuni, associazioni e volontariato: un altro modo è gia' possibile".

"Mettiamo in fila le cose: niente soldi per i Comuni per l'accoglienza diffusa dei migranti (tre ogni 1.000 abitanti secondo il sistema Sprar). Ci saranno grandi centri dove concentrare le persone con meno fondi per vitto e alloggio", continua il sindaco.

E i migranti "cosa faranno per mesi e mesi? Usciranno per le citta'- sottolinea Merola- e i Comuni si arrangeranno con i servizi sociali e sanitari. E la chiamano sicurezza. Il decreto non prevede il parere dei Comuni su dove insediare i centri: sappiano che il mio sara' contrario".

(Dire) 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Morto a Castenaso dopo lite con i genitori, disposta l'autopsia sul corpo dell'uomo

  • Meteo

    Meteo, arriva la neve: scatta allerta anche in pianura

  • Cronaca

    Racket pompe funebri: bare in vendita nelle camere mortuarie

  • Cronaca

    Bimbo morto per meningite, indaga la Procura

I più letti della settimana

  • Aggressione al figlio di Simona Ventura: 'Fu tentato omicidio', 4 condanne

  • Incidente in A14, la vittima è Carlotta Monti: la 21enne era di Medicina

  • Incidente a Casalecchio, camion incastrato sotto il ponte: traffico bloccato

  • Denaro e favori per l'affare del "caro estinto": nel mirino 6 pompe funebri e 30 arresti

  • Incendio, autobus in fiamme a Castenaso, danni alle auto

  • Meningite fulminante, bimbo di due anni morto in ospedale

Torna su
BolognaToday è in caricamento