DL sicurezza, Merola: "Se non cambia chiamo a raccolta Comuni, associazioni e volontariato"

"Mettiamo in fila le cose: niente soldi per i Comuni per l'accoglienza diffusa dei migranti . Ci saranno grandi centri dove concentrare le persone con meno fondi per vitto e alloggio"

Approvato in Senato il Decreto Sicurezza con 163 sì e 59 no: il sindaco Virginio Merola non ci sta e scrive sui social: "Se il testo non cambia chiamerò a raccolta Comuni, associazioni e volontariato: un altro modo è gia' possibile".

"Mettiamo in fila le cose: niente soldi per i Comuni per l'accoglienza diffusa dei migranti (tre ogni 1.000 abitanti secondo il sistema Sprar). Ci saranno grandi centri dove concentrare le persone con meno fondi per vitto e alloggio", continua il sindaco.

E i migranti "cosa faranno per mesi e mesi? Usciranno per le citta'- sottolinea Merola- e i Comuni si arrangeranno con i servizi sociali e sanitari. E la chiamano sicurezza. Il decreto non prevede il parere dei Comuni su dove insediare i centri: sappiano che il mio sara' contrario".

(Dire) 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Monzuno, crolla tratto della strada provinciale

  • Elezioni

    Elezioni, il candidato M5S a San Lazzaro: "Ecco cosa rimprovero alla Conti e cosa farò io"

  • Cronaca

    Polizia, più controlli durante le feste: due arresti e 13 denunce, così fino al 1°maggio

  • Cronaca

    Si allontana e scompare: anziana ritrovata il giorno dopo

I più letti della settimana

  • Trovato morto il 20enne scomparso a Idice

  • Tragico incidente sulla via Emilia: morto a 26 anni Luca Trevisani

  • Rimane di notte chiuso in ascensore: salvato da Carabinieri e Vigili del fuoco

  • Ragazzo scomparso: ricerche lungo l’Idice a San Lazzaro

  • Rapina alla Coop di Loiano: fanno irruzione e portano via l'incasso

  • Si masturba davanti ai bambini a scuola, maniaco seriale arrestato in flagranza

Torna su
BolognaToday è in caricamento