Ozzano, Luca Lelli si ricandida a sindaco: "Scuola, viabilità, opere strutturali e Poc al centro dell'attenzione"

Il primo cittadino correrà per il secondo mandato

Il sindaco di Ozzano Luca Lelli annuncia la candidatura bis alle prossime elezioni comunali, ufficializzando anche il nome della nuova lista: "Passione in Comune". Candidatura che sarà sostenuta da una lista civica aperta a tutti, “superando gli steccati ideologici”. Una decisione determinata dall’amore che l’attuale primo cittadino ha verso la propria città, e dalla volontà di “proseguire un lavoro che si è contraddistinto per una forte focalizzazione sul conseguimento di risultati concreti”.  Incontrato, Lelli ha spiegato a BolognaToday progetti e intenzioni nel caso fosse rieletto.

‘Passione in Comune’ è una lista civica? “Oltre all’eredità di questi anni, credo sia fondamentale, oggi, ragionare su una lista aperta, in grado di intercettare le migliori energie che risiedono nel nostro territorio. Abbiamo tutti un obiettivo comune, fare di Ozzano un luogo dove buona amministrazione, crescita economica, sensibilità per le fragilità del tessuto sociale e sostenibilità ambientale trovino una sintesi virtuosa”.

Se fosse riconfermato, cosa farà nei prossimi anni per Ozzano? Quali progetti ha intenzione di mettere in piedi, e che non è riuscito a realizzare in questo mandato? “Credo che siamo riusciti a realizzare molti degli obiettivi che ci eravamo prefissati. Se fossi rieletto  vorrei proseguire, e finire, quello che abbiamo iniziato. Abbiamo gettato basi e premesse per tante cose,  primo fra tutte il grande e nuovo polo scolastico. Un progetto ambizioso, già presentato alla comunità e nel quale credo fermamente, e vorrei poterlo seguire fino alla sua inaugurazione. È un grande investimento, che andrà a cambiare parte del volto di Ozzano, un’opera importante di cui potrà beneficiare tutta la comunità. Inoltre la mia amministrazione ha ereditato un Poc (Piano operativo comunale, ndr) in grande difficoltà. Poco dopo la mia elezione c’è stato il fallimento di Cesi e Di Giansante che hanno cambiato tutto il quadro delle costruzioni, e in questi anni abbiamo faticosamente ricostruito un pianto operativo, prevedendo interventi promessi e che alla fine non erano partiti”

Una delle prime cose che farebbe? “Ci sono tante cose di cui Ozzano ha ancora bisogno. Parlo del primo lotto della circonvallazione tra Via Olmatello e Via dell’Ambiente e la prosecuzione di via Nardi fino a via Emilia (di cui abbiamo appena approvato il progetto esecutivo) come capire e gestire la situazione della complanare che non dipende da noi ma sulla quale non vogliamo abbassare la guardia. Opere che servono alle numerose aziende che abbiamo sul territorio e alla viabilità. I progetti sono tanti"

Cosa si sente dire ai cittadini di Ozzano? “Innanzitutto grazie, grazie per il sostegno e la fiducia che mi hanno sempre dato in questi anni. L’ascolto della comunità che mi ha eletto è sempre stato prioritario per me, e ho cercato di capire e andare incontro a tutte le esigenze in tutti i modi che il Comune poteva. Siamo una grande realtà industriale lungo la via Emilia, ma a Ozzano ci conosciamo tutti. E’ la mia città, il posto in cui sono cresciuto e in cui vivo e credo che insieme si possano migliorare ancora tante cose. L’elemento dal quale non si può prescindere è la passione. Ed è questa che credo possa essere il collante di un secondo mandato che, ci auguriamo, i cittadini vogliano concederci per realizzare compiutamente la nostra esperienza di governo a Ozzano”.

GUARDA IL VIDEO-MESSAGGIO

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Non solo massaggi al centro estetico: blitz dei Carabinieri a Pianoro

  • Gianni Morandi racconta il dolore per la perdita della figlia

  • Incidente sulla Statale: schianto tra auto, morta una donna

  • Morto in solitudine, gli amici si mobilitano per trovare i parenti: "Ivan se lo meritava"

  • 130 kg di droga sequestrati, raffica di arresti: base logistica a Castel Maggiore

  • Corticella: perde conoscenza sul bus 27, poi gli insulti e le minacce

Torna su
BolognaToday è in caricamento