Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Regionali, Salvini: "In Emilia Romagna cavalcata eccezionale"

Le prime parole del leader della Lega al termine della giornata di voto per le elezioni regionali in Emilia Romagna e Calabria e

 

La notte più lunga della Lega in Emilia Romagna è iniziata alle 23 nello ZanHotel a Bentivoglio, dove è stato schierato tutto il quartiere generale del Carroccio.  Una tornata elettorale il cui risultato non è stato mai così atteso, con Matteo Salvini sceso in campo al fianco della candidata Lucia Borgonzoni per tutta la campagna. I vari sondaggi delle scorse settimane sulle intenzioni di voto - tra cui quello commissionato dal nostro Gruppo editoriale Citynews a Demopolis - vedono un testa a testa al cardiopalma tra Borgonzoni e il presidente uscente Stefano Bonaccini, anche se in complessivo i candidati sono sette.

E sei dai primi exit poll Stefano Bonaccini è sempre in lieve vantaggio, a mezzanotte e mezza Matteo Salvini si è presentato alla stampa per commentare i primi risultati delle votazioni in Calabria, per poi passare a un primo commento sull'andamento all'Emilia Romagna: "In Emilia Romagna è stata una cavalcata eccezionale - ha spiegato ai giornalisti - commovente, stancante e come altre volte posso dire di essere orgoglioso di aver incontrato migliaia di persone uscendo dai social, nelle fabbriche, nei campi, nelle piazze, sulle parche e avere qui una partita aperta, lasciatemi dire che è un'emozione che dopo 70 anni ci sia una partita. In 70 anni non c'è stata mai un commento che andasse al di là dei tre minuti perché la partita era chiusa ancor prima di cominciare. Ringrazio Lucia Borgonzoni, e chiunque vincerà, che sia chiami Lucia o che si chiami Stefano, vorrà dire che lo avrà meritato perché il popolo ha sempre ragione. Qualcuno a sinistra, quando il popolo non vota come piace ai politicamente corretti, dice che non capisce una mazza ma il popolo ha sempre ragione, sempre, e chiunque vinca ha meritato di vincere, punto".

E poi: "Grazie, ci tenevo che gli italiani che vanno a letto avessero testimonianza del fatto di quello che ci hanno dato, se poi sarà sufficiente per vincere tanto meglio, se perderemo in dirittura di arrivo nella vita si vince e si perde. Se  vinco son felice se perdo sono ugualmente felice anzi lavoro il doppio, visto che qualcuno dà la Lega morta da venti anni deve aspettare almeno i prossimi venti anni per vedermi stufo e stanco. Ringrazio chi ci ha dato fiducia e chi non ci ha dato fiducia perché è uno stimolo a fare sempre di più e a fare sempre meglio. Poi da segretario di partito normale permettemi di venire a commentare i dati quando ci saranno dati sia sulle liste che sui partiti che sia sui candidati più attendibili, ma ci tenevo a mandare un abbraccio agli italiani che vanno a letto per andare a lavorare domani. Chi ha votato ha fatto il suo dovere chi non ha votato ha perso un'occasione ma magari lo farà la prossima volta"

Lunga giornata di voto in Regione. Boom alle urne, oltre il 70% a Bologna

Elezioni regionali Emilia Romagna: exit poll e primi risultati

Potrebbe Interessarti

Torna su
BolognaToday è in caricamento