Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

VIDEO| Bonaccini: "Questa è la vittoria dell'Emilia-Romagna, mai vista tanta partecipazione"

Il presidente rieletto ringrazia anche le "sardine": "Non sono piazze contro, ma non ci siamo mai incontrati"

 

"Questa è la vittoria dell’Emilia Romagna”. Così ha esordito Stefano Bonaccini nella conferenza stampa indetta questa mattina nella Casa del Popolo in via Cimarosa a Casalecchio di Reno. Bonaccini è stato riconfermato alla guida della Regione per il secondo mandato con una percentuale pari al 51,43%, allungando sempre di più lo stacco dalla candidata Lucia Borgonzoni della Lega nel corso dello spoglio.

“Mentre altri hanno parlato di tutt’altro noi abbiamo continuato a raccontare questa regione, quali straordinarie opportunità abbia ma anche quali problemi devono essere risolti - ha incalzato Bonaccini - Abbiamo gettato un ponte sul futuro. Noi abbiamo voluto caratterizzare questa campagna elettorale di sentimenti, di valori ”. E sulla certezza o meno di vincere, ha sottolineato: “Ne ero quasi certo, ma non con questo distacco. La certezza ovviamente non l’aveva nessuno ma Io il clima lo sentivo girando, mai visto così tanta tanta partecipazione ed ero molto fiducioso... Mai avuto il minimo dubbio che noi ce la facessimo”.

Inevitabile il passaggio e commento sulle sardine, che in un modo o nell’altro hanno caratterizzato il periodo elettorale: “Ho sentito per la prima volta Mattia Sartori questa mattina. Devo ringraziare le sardine per la mobilitazione che hanno indotto. Il valore della mobilitazione spero sia un punto di partenza anche per il mio partito e tutte le forze di centro sinistra, di un nuovo centro sinistra che dovrà tornare a occupare quei luoghi che colpevolmente avevamo abbandonato e che Salvini aveva meritoriamente saputo riempire anche in anni in cui la Lega era al 4%”. E ancora: ”Questa campagna elettorale è stata fatta di un sol uomo, dove abbiamo saputo unire invece che dividere. Ho la certezza di aver preso voti in uscita dai cinque stelle e in uscita da destra”.  Poi la sferzata alla Lega:”Sono un uomo delle istituzioni e non perderei mai la dignità di scadere in quello che non mi piace della politica, e cioè in un teatrino spesso insopportabile”.  Sulla composizione della nuova giunta regionale però Bonaccini prende tempo: “Mi prenderò un po di tempo per costruire la nuova giunta , la nuova squadra di governo con donne e uomini capaci”.

Potrebbe Interessarti

Torna su
BolognaToday è in caricamento