Regionali, il 1° dicembre Giorgia Meloni in città

La leader di Fratelli d'Italia sarà all’Europa Auditorium. Intanto il capogruppo in Regione lascia il partito

"Il 1 dicembre saremo all’Europa Auditorium di Bologna con Giorgia Meloni per l’iniziativa di Fratelli d’Italia con cui il nostro movimento parlerà di manovra economica e darà voce alle categorie produttive e lancerà in concreto le proposte, i progetti e i programmi per il rilancio della nostra Nazione e dell’Emilia-Romagna, un territorio che merita finalmente una guida all’altezza delle eccellenze e dell’operosità che da sempre lo caratterizzano". Lo annunciano in una nota congiunta i parlamentari di Fratelli d’Italia Galeazzo Bignami, Tommaso Foti, Alberto Balboni, Ylenja Lucaselli.

Giorgia Meloni a Bologna: 'Qui c'è bisogno di liberare una regione

"Siamo certi che nelle prossime settimane costruiremo iniziative unitarie tra tutti gli alleati per rendere ancor più evidente quell’unità che già oggi accomuna il nostro impegno per costruire il futuro in Emilia-Romagna. Ci attendono tre mesi di lavoro e impegno per dare un futuro e nuove prospettive a una regione che da troppi anni sta sopportando una politica delle sinistre priva di quell’efficienza e di quella competenza che gli emiliano-romagnoli meritano", si legge nella nota sul sito del partito. 

Michele Facci lascia: "Logiche divisive"

"Ho consegnato al Segretario provinciale di Bologna, Fabrizio Nofori, le mie dimissioni da associato di Fratelli d’Italia e presidente del Circolo di FDI 'Area Sovranista', costituito nei mesi scorsi. Contestualmente, ho lasciato il gruppo di FDI in Consiglio regionale, del quale ero capogruppo, e sono ritornato nel gruppo Misto". Lo scrive Michele Facci sul suo profilo Facebook. 

"Finisce prematuramente questo nuovo percorso politico, cominciato con l’entusiasmo di potere contribuire alla crescita di una nuova realtà nel panorama della Destra italiana: entusiasmo purtroppo progressivamente venuto meno, stante l’immediata riproposizione di quelle logiche divisive ed autoreferenziali che hanno contraddistinto il centrodestra bolognese ed emiliano-romagnolo negli ultimi 20 anni, e che pensavo potessero essere definitivamente superate. Continuerò comunque ad onorare il mio incarico istituzionale fino alla scadenza - scrive Facci - con l’impegno di sempre che Voi ben conoscete, per dare il mio fattivo contributo alla liberazione della nostra Regione, il prossimo 26 gennaio: un risultato storico finalmente alla nostra portata, ma che passa inevitabilmente dall’unione realmente collaborativa tra tutte le forze alternative del centrodestra, in passato troppo spesso giunte divise agli appuntamenti più importanti. L’area sovranista che rappresento sarà quindi in prima linea, a fianco della candidata Presidente Lucia Borgonzoni, per dare l’assalto al fortino rosso dell’Emilia-Romagna. Dopo l’Umbria, l’Emilia-Romagna ! E dopo … Avanti tutta!". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scambia la moglie per un ladro e chiama i Carabinieri

  • Ubriaca sul davanzale, cade giù dal terzo piano

  • Scossa di terremoto nella notte, avvertita anche nell'Appennino bolognese

  • E' Natale, a spasso per Bologna: le vetrine più originali

  • Neve in arrivo, non solo in Appennino: "Fiocchi anche in collina e possibili sorprese in pianura"

  • Terremoto Toscana: riaperto traffico treni AV e regionali, ci sono ritardi

Torna su
BolognaToday è in caricamento