Elezioni regionali, Volt ritira candidatura: "Appoggiamo Bonaccini"

Resta invece la lista sulla scheda. L'obiettivo è un eletto in consiglio regionale

Cresce la coalizione a sostegno di Stefano Bonaccini in Emilia-Romagna. Il movimento Volt, che inizialmente aveva candidato un proprio esponente alle regionali di gennaio, ha alla fine deciso di schierarsi con il governatore uscente. Lo annuncia lo stesso ormai ex candidato presidente Gillo Baldazzi. "Dopo un confronto interno ampiamente partecipato, abbiamo deciso di sostenere Stefano Bonaccini".

Resta invece la lista di Volt, che vede lo stesso Baldazzi, bolognese, candidato per il consiglio regionale. "Crediamo sia necessario rendere il più concreto possibile il nostro apporto a queste elezioni, contribuendo all'accelerazione della coalizione -spiega Baldazzi- Ecco perché abbiamo ritenuto di appoggiare Stefano Bonaccini, che ha lavorato bene ed è il candidato di una coalizione nei cui valori progressisti ed inclusivi ci riconosciamo apertamente".

Il simbolo viola di Volt, dunque, sarà sulla scheda elettorale, a sostegno del Governatore uscente: "Il nostro modo di fare politica, che parte da una dimensione europea, ma è radicato sul territorio, attira il voto di tanti giovani, di tanti indecisi, di tanti elettori che non si riconoscono nei partiti tradizionali, ma sostengono valori ecologisti, progressisti, europeisti, inclusivi. Sappiamo che il nostro contributo alla coalizione farà la differenza". (Bil/ Dire)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Virus cinese: cos'è, come si diffonde e come proteggersi

  • Incidente a Budrio: un morto e un ferito sulla Trasversale di Pianura

  • Regionali Emilia Romagna 2020, tutti i programmi elettorali

  • La dea bendata bacia il Christian bar: in via Toscana vinto 1 milione di euro

  • SPECIALE | Elezioni regionali Emilia Romagna 2020: dalle interviste ai candidati a tutte le info utili al voto

  • People Mover, avvio il 7 marzo per la navetta veloce tra aeroporto e stazione

Torna su
BolognaToday è in caricamento