Galliera: Zanni candidato sindaco per “Uniti per Galliera”

Elezioni comunali 26 Maggio 2019.Un patto tra cittadini per una rivoluzione di buonsenso.

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BolognaToday

Passaggio di testimone nell'attuale minoranza a Galliera: il candidato sindaco alle prossime elezioni comunali della lista "Uniti per Galliera" sarà Stefano Zanni. A spiegare i motivi è il capogruppo Diego Baccilieri - consigliere dal 2004 e già candidato sindaco nel 2009 e 2014 - "il ruolo politico di commissario provinciale di Forza Italia, che ricopro da ottobre, non si concilia con la guida di una lista civica che è aperta a tutte le energie ed idee che vogliono un reale cambiamento rispetto al governo locale", conferma che farà "assolutamente parte della lista, ci mancherebbe!" e commenta sullo sfidante Valerio Gualandi, indicato dal Pd, "non ha conoscenza del territorio, viene da fuori, è un professionista della politica ingaggiato da coloro, il sindaco Vergnana in prima linea, che hanno reso Galliera com'è ora e pensano di darsi una mano di bianco che non cancella però le crepe che hanno creato". Stefano Zanni, trentadue anni, radici gallierine doc, tecnico informatico, già al suo secondo mandato da consigliere comunale, vicepresidente del consiglio dell'Unione Reno Galliera nella quale è anche capogruppo di minoranza, lancia la sua sfida al centro-sinistra volendo costruire "una lista aperta e rappresentativa di tutto il territorio comunale, in grado di intercettare, attraverso l'ascolto e la partecipazione dei cittadini, le migliori energie disponibili al fine di ottenere il miglior servizio alla comunità". Zanni ritiene che "a Galliera, dopo dieci anni di errori amministrativi e sordità politica, serve buon senso ed un'amministrazione che non prenda ordini da nessuno ma pensi solo al bene comune" e propone un patto di cittadinanza tra persone, gruppi, movimenti, partiti che vogliano condividere un "progetto di rinnovamento reale e condiviso del paese, consentendo di voltare pagina". A dimostrazione della reale trasversalità della proposta politica si registrano, da un lato, l'appoggio della Lega, mentre dall'altro è confermata la presenza in lista di Linda Montevecchi, già vice-sindaco Pd fino al 2009 ed ex presidente del consiglio d'istituto. A breve inizieranno incontri per la costruzione del programma.

I più letti
Torna su
BolognaToday è in caricamento