sabato, 25 ottobre 22℃

Elezioni politiche 2013: diretta risultati Camera e Senato

Lo spoglio a partire dalle 15, i primi dati reali a partire dalle 17. Nelle prime ore toccherà ad exit poll e proiezioni

Redazione 25 febbraio 2013

A partire dalle 15 d ieri, dalla chiusura dei seggi, BolognaToday ha seguito in diretta i risultati relativi alle elezioni politiche. Ecco i definitivi per la provincia di SENATO e CAMERA. Alle 02.00, quando mancano solo una decina di sezioni da scrutinare, i dati sono praticamente consolidati e confermano il boom assoluto del Movimento 5 Stelle che supera il Pd alla Camera.

Senato della Repubblica. Coalizioni: Centro-Sinistra 31,63% Centro-Destra 30,71%, M5S 23,79%, Lista Monti 9,13%. I partiti maggiori: PD 27,43%, M5S 23,79%, PDL 22,30%, Con Monti per l'Italia 9,13%, Lega Nord 4,33%, Sel 2,97%. Nessuna maggioranza: la coalizione di Bersani ha 120 seggi, ma per controllare Palazzo Madama ne servono 158

Camera dei Deputati, Coalizioni: Centro-Sinistra 29,55% Centro-Destra 28,18%, M5S 25,55%, Lista Monti 10,56%. I partiti: PD 25,41%, M5S 25,55%, PDL 21,56%, Con Monti per l'Italia 8,30%, Lega Nord 4,09%, Sel 3,2%.

Rispetto ai dati delle 20.30, il centrosinistra si aggiudica il Piemonte e il Friuli.

Alle 20.30 le regioni, basilari per il "gioco" del Senato: il Pdl è in vantaggio in Friuli, Lombardia, Veneto, Campania, Puglia, Piemonte e Sicilia. Il Pd in Lazio, Toscana, Marche, Umbria, Liguria ed Emilia Romagna.

I voti dei bolognesi per la CAMERA DEI DEPUTATI

I voti dei bolognesi per il SENATO DELLA REPUBBLICA

EMILIA ROMAGNA. La nostra regione conferma il Pd primo partito (al Senato guadagna seggi perché Sel non supera il quorum), ma il Movimento 5 Stelle ha raggiunto la seconda posizione, superando il Pdl e portando a palazzo Madama quattro senatori. I 3,3 milioni di elettori hanno eletto 45 dei 630 deputati e 22 dei 315 senatori. Il Pd perde rispetto alle scorse politiche (ottenne intorno al 45,5%, 20 deputati e 11 senatori). Mai quanto la Lega, che dopo una serie di elezioni sempre in ascesa questa volta non riesce neppure a entrare in Senato, ferma sotto al quorum del 3%. Perde, un po' meno, anche il Pdl, che scende da 7 a 4 senatori. L'alleanza Pd-Sel pare comunque aver arginato la sinistra radicale: Rivoluzione civile è rimasta del tutto fuori del Parlamento, senza eleggere neppure, alla Camera, il capolista Giovanni Favia, il paladino della democrazia nel M5S che per questo era stato espulso da Beppe Grillo. Per i montiani il consenso è sufficiente a eleggere un senatore, Luigi Marino, già presidente nazionale di Confcooperative.

Alle 19.30 per il Senato le sezioni pervenute sono 44.289 su 60.431. Le percentuali per le coalizioni al Senato: Centro-Sinistra 32,35% Centro-Destra 29,90%, M5S 23,88%, Lista Monti 9,18%.

Alle 19.30 per la Camera le sezioni pervenute 22.793 su 61.446. Le percentuali per le coalizioni alla Camera: Centro-Sinistra 31,70% Centro-Destra 26,92%, M5S 25,59%, Lista Monti 10,48%.

Alle 18 per il Senato le sezioni pervenute sono 23.003 su 60.431. Le percentuali per le coalizioni al Senato: Centro-Sinistra 33,13% Centro-Destra 27,71%, M5S 24,33%, Lista Monti 9,16%. I partiti: PD 29,04%, M5S 24,33%, PDL 21,22%, Con Monti per l'Italia 9,4%, Lega Nord 3,8%, Sel 3,2%, Fratelli d'Italia 2,1%, Rivoluzione Civile 1,8%, Fare 1%, Centro Democratico 0,8%. Seggi al Senato: alle ore 18.15. Secondo i dati attuali, nessuna maggioranza. La coalizione del Centro-Destra otterrebbe 121 seggi, il Centro-Sinistra 96, M5S 65, Monti 19.

Iniziati anche gli scrutini alla Camera: sezioni pervenute 11.248 su 61.446. Le percentuali per le coalizioni alla Camera: Centro-Sinistra 33,47% Centro-Destra 25,07%, M5S 25,84%, Lista Monti 10,22%, Rivoluzione Civile 2,34%.

Daremo contro degli aggiornamenti relativi alla Camera dei deputati e al Senato della Repubblica e con particolare interesse a quelli relativi alla città e alla provincia di Bologna (sempre relativamente alla camera e al senato). Questi primi risultati reali dovrebbero iniziare ad arrivare a partire dalle 17. Alle 15 toccherà agli exit poll prima e alle proiezioni poi di cui ovviamente vi daremo notizia non appena arriveranno.“Dopo la sfilata di big della politica sotto le Due Torri e gli ultimi appelli al voto, stiamo dunque per conoscere i risultati e il nuovo assetto dell'Italia e i candidati eletti.

TERZA PROIEZIONE. Ore 17. Terza proiezione dell'Istituto Piepoli. Le percentuali per le coalizioni al Senato: Centro-Destra 31,3%, Centro-Sinistra 30,1%, M5S 24,6%, Lista Monti 9,4%, Rivoluzione Civile 1,8%. I partiti: PD 25,5%, M5S 24,6%, PDL 22,9%, Con Monti per l'Italia 9,16%, Lega Nord 3,74%, Sel 2,92%, Fratelli d'Italia 1,84%, Rivoluzione Civile 1,81%, Fare 0,91%. Non rientrano nella proiezione Trentino Alto Adige e Valle D'Aosta che votano con una differente legge elettorale.

REGIONI. Le proiezioni relative ad alcune grandi regioni: Emilia-Romagna, Liguria e Toscana al Centro-Sinistra. Campania, Lombardia, Sicilia e Veneto al Centro-Destra.

SECONDA PROIEZIONE. Ore 16.35 circa. Seconda proiezione dell'Istituto Piepoli. Su una percentuale scrutinata del 24%, ecco le percentuali per le coalizioni al Senato: Centro-Destra 31,6%, Centro-Sinistra 29,4%, M5S 24,9%, Lista Monti 9,2%, Rivoluzione Civile 1,8%. I partiti: PD 25%, M5S 24,9/, PDL 23%, Con Monti per l'Italia 9,2%, Lega Nord 3,9%, Sel 3,1%, Fratelli d'Italia 2,2%, Rivoluzione Civile 1,8%, Fare 1%, Centro Democratico 0,8%. Non rientrano nella proiezione Trentino Alto Adige e Valle D'Aosta che votano con una differente legge elettorale.

PRIMA PROIEZIONE. Dalla prima proiezione dell'Istituto Piepoli, risultati ribaltati. Su una percentuale scrutinata del 13,8%, ecco le percentuali per le coalizioni al Senato: Centro-Destra 31%, Centro-Sinistra 29,5%, M5S 25,1%, Lista Monti 9,6%, Rivoluzione Civile 1,8%. I partiti: M5S 25,1%, PD 25%, PDL 22,17, Con Monti per l'Italia 9,6%, Lega Nord 3,9%, Sel 3,%, Fratelli d'Italia 2%, Rivoluzione Civile 1,8%, Fare 1%, Centro Democratico 0,7%. Non rientrano nella proiezione Trentino Alto Adige e Valle D'Aosta che votano con una differente legge elettorale.

INSTANT POLL IN DIRETTA. Ecco i primi instant poll di Tecné per SkyTg24, alle ore 15: il centrosinistra sarebbe davanti alla Camera con il 34,5% dei consensi, la coalizione di centrodestra sarebbe al 29%. A seguire il Movimento 5 Stelle con il 19%, Scelta Civica con Monti per l'Italia 9,5%, Rivoluzione civile 3,5%. La situazione al Senato: centrosinistra al 37%, centrodestra al 31%, Movimento 5 Stelle al 16,5%, Scelta civica con Monti per l'Italia 9%, Rivoluzione civile 3%.

Dopo le due giornate di voto e la chiusura dei seggi alle 15, comincia la diretta elettorale fino ai risultati finali. A Bologna alle 22 di ieri hanno votato in 187.322: nonostante la neve abbondante e le voci che davano chiusi alcuni seggi (persino un volantino con informazioni false) tutto è andato liscio, a parte qualche piccola polemica data vita dai rappresentanti del Movimento 5 Stelle.

LA SALSI: RISULTATO IMPORTANTE PER GRILLO, NON SO SE E' UN BENE O UN MALE. Fra i primi commenti, un'intervista a Federica Salsi su Radio 24: "Non so se verrà nominato un portavoce, di certo all'inizio vedremo il volto di Grillo, ma spero che i candidati non debbano passare sempre da lui. Già dai primi instant poll possiamo dire che quello del Movimento 5 Stelle è un risultato importante. Non so se sia un bene o un male, ma un risultato importante per una forza politica nuova come quella di Grillo".

IL PERICOLO BROGLIO E LE MATITE "CIUCCIATE". A far partire un allarme brogli ci hanno pensato i grillini del M5S e il consigliere comunale Marco Piazza ha pubblicato sulla sua pagina Facebook un vademecum per rendere indelebile la croce della matita copiativa. I "grillini" bolognesi hanno fatto parlare di sè anche per aver pubblicato uno scatto del voto, quando è risaputo che è vietato fare foto all'interno della cabina elettorale. Grande curiosità intorno al voto dell'ex M5S Federica Salsi, che non ha però svelato a chi è andata la sua preferenza.

Annuncio promozionale

diretta
elezioni politiche 2013

Commenti