Fusione Fer-Atc. Peri: "Primo esempio di separazione rete e servizi"

Prima scorporo, poi fusione. E' quanto prevede il progetto, approvato oggi dall'assemblea dei soci Fer, che annunciano: "Una delle più grandi aziende intermodali nazionali"

Prima scorporo, poi fusione. E’ quanto prevede il progetto, approvato oggi dall’assemblea dei soci Fer, con cui Ferrovie Emilia-Romagna resterà proprietaria delle infrastrutture ferroviarie, mentre nascerà una nuova società – per fusione di Atc con la parte di Fer scorporata – che unificherà e gestirà il servizio urbano ed extraurbano di Bologna e Ferrara con i servizi ferroviari e automobilistici svolti da Fer negli stessi bacini. La nuova società sarà operativa entro il 1° febbraio 2012.
“Siamo di fronte a una delle più grandi aziende intermodali nazionali, con un forte valore per ciò che riguarda l’integrazione dei servizi gomma-ferro nel più importantebacino d’interscambio della regione – sottolinea l’assessore alla Mobilità e Trasporti Alfredo Peri – . Questo ci consentirà di efficientare e qualificare sempre di più sia i servizi di trasporto urbano ed extraurbano su gomma, ma anche l’Sfm e il servizio ferroviario regionale”.
“E’ il primo esempio in Italia – continua Peri – di separazione tra rete e servizi; dall’Emilia-Romagna viene un contributo di chiarezza sui ruoli, distinguendo tra funzioni di programmazione e gestione della rete e chi deve specializzarsi nella produzione dei servizi. Questo progetto di fusione – ricorda l’assessore – si somma a quelli in atto in Emilia-Romagna, che hanno giàprodotto in Emilia la società Seta, e in Romagna Start”. Tutto ciò “a testimonianza del fatto che in questo momento di crisi e di difficoltà finanziaria del settore, oltre che del Paese, occorre reagire con la sacrosanta richiesta verso il Governo di recuperare tagli, assolutamente insostenibili, a questo settore. Ma questa richiesta – ribadisce Peri – è più forte se procediamo anche con l’autoriforma, che si basa su un forte e convinto progetto industriale che riduca i costi e aumenti l’efficienza e la qualità”.
“Esprimo anche soddisfazione – conclude l’assessore – perché questo progetto è stato accompagnato da un ampio consenso non solo da parte di tutti isoci, ma anche delle organizzazioni sindacali, con le quali ci siamo impegnati a sottoscrivere un protocollo a cui si sta già lavorando”.
I numeri del progetto
Fer (società di gestione delle infrastrutture ferroviarie) sarà controllata per il 93% dalla Regione Emilia-Romagna; il rimanente 7% verrà ripartito tra Act Reggio (5%) e per il restante 1% tra le Province di Ferrara, Mantova, Parma, Modena, Reggio Emilia e Rimini. Le quote della nuova società di gestione dei servizi saranno invece così ripartite: 46% della Regione, 30% del Comune di Bologna, 19% circa della Provincia di Bologna, 3% di Act Reggio Emilia. Il valore della produzione atteso della nuova società, che potrà contare suoltre 2.600 dipendenti, si aggirerà intorno ai 250 milioni di euro. Con i suoi circa 1.350 bus, per la nuova società si stima una percorrenza iniziale annua attorno a 51 milioni di chilometri; 5,6 milioni di chilometri, invece, quelli effettuati per il trasporto passeggeri in ambito ferroviario, grazie a 150 convogli circa. /CV

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Bologna usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I 4 borghi medievali più belli nella provincia di Bologna

  • Dai colli al centro città, i sette parchi più belli di Bologna

  • Basilica di San Petronio, la chiesa più grande di Bologna: 7 cose da sapere

  • Saggezza popolare: i proverbi più amati dai bolognesi

  • Portici, colli e malinconia. 5 canzoni di successo dedicate a Bologna

  • Le vie di Bologna dai nomi più strani e il loro significato, che non tutti conoscono!

Torna su
BolognaToday è in caricamento