Giorgia Meloni a Bologna: 'Qui c'è bisogno di liberare una regione'

La leader di Fratelli d'Italia all'attacco sulle elezioni regionali. Il 9 sarà in piazza a Roma contro il governo Conte bis

Foto FB Giorgia Meloni community

Forza Italia ha "declinato" l'invito per il 9 settembre, ma in piazza Montecitorio durante il voto di fiducia sul Governo ci si aspetta "una partecipazione assolutamente al di fuori di qualunque previsione. Stiamo avendo delle adesioni incredibili, nonostante si tratti di un lunedì mattina, a dimostrazione di come questo Governo nasca apertamente contro il parere e la volontà del popolo italiano".

Ne è certa la leader di Fratelli d'Italia Giorgia Meloni che ieri 7 settembre ha riunito i suoi elettori a Bologna per chiedere il ritorno alle urne. "Sarà una manifestazione trasversale, con bandiere tricolori, alla quale parteciperanno non solo gli elettori di Fratelli d'Italia ma fino a queli che avevano votato M5S per mandare a casa il Pd, per esempio". Per quanto riguarda poi il passaggio in Senato di martedì, "vedremo. Credo che alla fine questo Governo avrà i numeri perchè la qualità della colla che si sta utilizzando per attaccarsi alle poltrone è comunque ottima, ma confido che non andranno molto avanti, percheè obiettivamente quando la colla è solo l'interesse, dura poco".

Bignami lascia FI: "Entro in Fratelli d'Italia senza ruoli. Per me nessun dialogo col PD"

Mentre la Lega ha candidato la senatrice ed ex sottosegretaria al Mibac Lucia Borgonzoni "al momento non si è ancora definito il candidato - alle regionali Emilia-Romagna - immagino che lo faremo quando nelle prossime settimane e nei prossimi giorni ci incontreremo per definire complessivamente come centrodestra come muoverci nell'immediato futuro". Sul tavolo ci sarebbe il nome di Alessandro Meluzzi per Fdi, ma si attende anche un nome da Forza Italia: "Come si sa per noi- afferma Meloni- viene sempre prima la possibilità di dare ai cittadini un'alternativa credibile e quindi, più che partire dal partito che deve indicare il candidato presidente, penso si debba partire dal tipo di programma che vogliamo portare avanti e anche da quale possa essere il candidato più capace di vincere".

La leder di FdI incalza: "Penso si sia dimostrato già da tempo che non esistono più roccaforti e che quindi ogni battaglia può essere vinta se si ha il candidato giusto, un programma serio, una coalizione unita e se si parla dei problemi della gente e non dei problemi del palazzo" in pratica "qui c'è bisogno di liberare una regione da un sistema di potere consolidato che purtroppo tarpa parecchio le ali alle potenzialità di questo territorio, come abbiamo visto in tante occasioni". 

Appuntamento, il 9 settembre alle 11 in Piazza Montecitorio: "È in corso un attacco alla tua sovranità e alla tua Nazione. Ius Soli, patrimoniale, porti aperti: saranno solo alcune delle nefaste conseguenze del governo PD-M5S. Il 9 settembre a piazza Montecitorio avrai anche tu l'occasione di dire non nel mio nome", aveva annunciato sui social Giorgia Meloni. (dire)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Meteo, neve in arrivo sull'Appennino emiliano

  • Ripetitori e onde dei cellulari, lo studio del Ramazzini: "Tumori rari nelle cellule nervose"

  • Fuga di gas dalle cantine: 16 famiglie evacuate, traffico bloccato

  • Furto a San Lazzaro: "Sono entrati in pieno giorno e hanno fatto un disastro. Sono sconvolta"

  • Camion a fuoco lungo l'A1: due Vigili del Fuoco feriti dopo uno scoppio

  • Guidano un'auto rubata, fanno un incidente e scappano: hanno entrambi solo 14 anni

Torna su
BolognaToday è in caricamento