Graduatoria Erp a Bentivoglio: gli stranieri sono l'82%

Ne dà notizia il capogruppo di FI in Regione Galeazzo Bignami

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BolognaToday

"Ancora una volta, purtroppo, dobbiamo constatare le enormi storture che si generano sui nostri territori in merito alle graduatorie degli alloggi popolari. La graduatoria provvisoria del 2017 del Comune di Bentivoglio, nella Città metropolitana di Bologna, ha dell'incredibile: solo 8 italiani su 45 richiedenti, in pratica la quasi totalità dei richiedenti (l'82%) è di origine straniera".

Ne dà notizia il capogruppo di FI in Regione Galeazzo Bignami che adesso chiede e sollecita interventi chiari e tempestivi da parte dell'ente di viale Aldo Moro attraverso una interrogazione presentata alla Giunta regionale. "Con diversi atti ispettivi ripetutamente abbiamo portato il tema all'attenzione della Regione, l'ultima anche a seguito della ricerca del dipartimento di sociologia Alma Mater che aveva evidenziato nel comune di Bologna come il numero dei richiedenti stranieri, pari al 60%, avesse superato quello degli italiani: a ciò si univa un calo delle domande che andava attribuito non a una riconquistata condizione di agio economico ma, anzi, a una sfiducia da parte di chi tenta di ottenere un alloggio popolare o a canone calmierato", spiega Bignami. "La Regione Emilia-Romagna - prosegue Bignami - all'ultima interrogazione presentata replicava di aver ricevuto effettivamente da alcuni Comuni segnalazioni sulla composizione delle graduatorie che evidenziavano una crescita importante dei nuclei stranieri e dunque chiedevano di rivedere i requisiti per salvaguardare le famiglie di origine italiana". A ciò, tuttavia, e sebbene gli intenti dichiarati, non ha ancora fatto seguito un'azione decisa da parte della Regione. Da parte nostra siamo pronti a presentare un progetto di legge in modifica alla LR 24/2001 (percorso di revisione che anche la Regione si appresta ad aprire anche se non sappiamo con quali tempistiche) per premiare ulteriormente la storicità della residenza e introdurre meccanismi di controllo sugli immobili posseduti all'estero (in particolare nei Paesi di origine degli stranieri che fanno domanda)". "Servono correttivi immediati per porre rimedio a queste situazioni non più sostenibili per chi vive e lavora da anni sul nostro territorio", conclude Roberto Bernardi consigliere di opposizione a Bentivoglio. "La percentuale degli stranieri sui nostri territori va dal 10% a massimo il 16% e non è possibile che nelle graduatorie Erp arrivino addirittura a rappresentare la quasi totalità dei richiedenti. Ci auguriamo che la Regione voglia intervenire con tempestività perché la situazione è già fuori controllo e urgono provvedimenti urgenti per riportare equità nelle graduatorie che oggi, come ben visibile, penalizzano gli italiani".

Torna su
BolognaToday è in caricamento