Crevalcore, il neo sindaco Martelli: "Difficile trovare il personale in grado di colmare le lacune"

L'INTERVISTA. "La mia, la campagna elettorale per le comunali più combattuta degli ultimi 50 anni. una rimonta straordinaria grazie ad uno splendido rapporto instauratosi con la gente"

Marco Martelli

Marco Martelli è stato eletto sindaco di Crevalcore con il 52,27% dei voti. Una campagna elettorale che il primo cittadino ha definito come "La più combattuta degli ultimi 50 anni" e un risultato che ha registrato 500 voti di differenza fra Europee e la lista civica del vincitore delle amministrative. 

Marco Martelli: chi è, età, percorso politico...«Marco Martelli, nato a Crevalcore il primo ottobre del 1960 ho conseguito la maturità tecnica in agraria nel 1979 all’istituto tecnico A. Serpieri di Bologna. Sono sposato con Cristina dal 1982 ho due figli Debora laureata in medicina e Diego laureato in scienze motorie. Sono entrato in consiglio comunale nel 2004 nella lista dei DS con il sindaco Valeria Rimondi, poi assessore extra consigliare per due mandati dal 2009 al 2019 con il sindaco Claudio Broglia con delegha alla Cura del Territorio, Protezione Civile, Associazionismo, Rapporti con le Frazioni. Eletto Sindaco alle ultime elezioni con una lista civica di centro sinistra». 

Il voto alle amministrative e alle Europee...come è andata? Si aspettava il risultato ottenuto? «Sul risultato delle europee ci aspettavamo sicuramente, visti anche i risultati delle politiche dello scorso anno, un calo dei consensi per il centro sinistra, non certamente che la Lega diventasse il primo partito a Crevalcore. Sulle comunali ho sempre creduto che il lavoro svolto in questi anni avrebbe dato i suoi frutti e così è stato, tra le comunali e le europee alla fine ci sono stati 500 voti di differenza in favore della mia lista civica».

Come descriverebbe la sua campagna elettorale? Che tipo di rapporto ha instaurato con i cittadini? «Quella del 2019 rimarrà a memoria dei Crevalcoresi come la campagna elettorale per le comunali più combattuta degli ultimi 50 anni. Devo dire che è stata una cavalcata straordinaria, che ci ha visti partire perdenti sicuri, in realtà capaci di una rimonta straordinaria grazie ad uno splendido rapporto instauratosi con la gente che si è sentita coinvolta nel nostro progetto, e da un gruppo di candidati consiglieri molto combattivi.»

Prime settimane da sindaco: su cosa si è concentrato? «Vista la mia esperienza in amministrazione e la conseguente conoscenza della macchina comunale oltre all’ordinario mi sono concentrato sulla struttura comunale che deve essere rimessa nelle condizioni di lavorare al meglio, ci sono troppe caselle vuote e abbiamo difficoltà a trovare il personale in grado di colmare le lacune. Se vogliamo portare a casa quello che abbiamo promesso in campagna elettorale dobbiamo mettere in condizione la struttura di lavorare al meglio».

Elezioni comunali 2019: i risultati comune per comune

Ci presenta la sua squadra? «La mia giunta è composta da due assessori che sono andati in continuità e sono Maria Pia Roveri ai servizi sociali e Mariarosa Nannetti alla cultura, poi ho tre figure nuove che sono Luca Lenzi vicesindaco con delega al bilancio e all’urbanistica, Rossella Picchioni all’istruzione pubblica e Donatello Poluzzi all’ambiente sport e associazionismo, le restante deleghe sono rimaste in capo al Sindaco per cui lavori pubblici, protezione civile, attività produttive e commercio, personale. Ho optato per una giunta che avesse il giusto equilibrio tra  la continuità e la novità». 

Le priorità di Crevalcore? Quali sono i primi obiettivi che si pone? «Le priorità per Crevalcore sono sicuramente il termine dei lavori di ricostruzione post terremoto, tutte le abitazioni private oramai sono in via di completo recupero, nel pubblico abbiamo qualche problema legato soprattutto alla burocrazia che rallenta le procedure, ma direi che questa sarà la legislatura decisiva. Lavoreremo molto sulla riqualificazione del centro storico , in crisi come tanti centri, le manutenzioni in generale, i servizi alle persone, comunque sia l’obiettivo è lasciare un paese migliore di quello che abbiamo trovato».

Interviste a caldo ai neo sindaci: 

Isabella Conti

Luca Lelli

Carlo Gubellini

Giampiero Falzone 

Belinda Gottardi 

Matteo Montanari


 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il figlio di Vasco Rossi Lorenzo si è sposato: tutta la felicità in una foto

  • Castenaso: morto Dino, il re della pasticceria

  • Cerca di fuggire dalla gazzella dei carabinieri con l'apecar: è ubriaco

  • Dramma a Pianoro: 50enne trovato morto in albergo

  • Tre appartamenti all'asta in via Amendola: il bando Invimit scade il 20

  • Ludopatia e chiusura centri scommesse: "Costretto a licenziare, ora disoccupato anche io"

Torna su
BolognaToday è in caricamento