Requisizione a Ozzano, Bignami: "La vicepresidente riferisca in aula"

Il consigliere regionale di Forza Italia, Galeazzo Bignami, chiede che sia fatta chiarezza in sede di Assemblea Legislativa sulla requisizione di un capannone privato a Ozzano, al fine di accogliere una ventina di profughi.

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BolognaToday

OZZANO DELL'EMILIA - "Preoccupante l'episodio relativo alla requisizione di un immobile privato a Ozzano per ospitare sedicenti profughi, che segna decisamente una sorta di "spartiacque" nelle modalità di questa finta accoglienza che da anni contestiamo. Adesso la vicepresidente venga a riferire in aula su cosa sta realmente accadendo in Regione". Così il presidente del Gruppo FI in Assemblea Legislativa, Galeazzo Bignami, punta il dito sul "caso" Ozzano. "Ci sembra di capire, dalle sue dichiarazioni alla stampa, che la vicepresidente regionale sappia più di quanto immaginiamo - prosegue il consigliere -. Alle nostre interrogazioni spesso viene risposto che la competenza è in capo alle Prefetture e si tende a glissare, poi invece la Gualmini comunica alla stampa di essere a conoscenza del fatto che si stava 'lavorando' su Ozzano per individuare immobili preposti all'accoglienza e che ci sono Comuni già pesantemente provati. Anche in questi casi, alle nostre interrogazioni relative a comunità, anche molto piccole, costrette ad accogliere senza nessun tipo di informazione preventiva, ci viene detto sempre che è tutto a posto e che c'è massima condivisione con i territori. Oltre che comunicare con i giornali, sarebbe pertanto opportuno che venisse a riferire in aula. E proprio a tale scopo presenteremo una interrogazione a risposta immediata". "Non solo l'emergenza non è terminata ma anzi la situazione è addirittura peggiorata: senza voler fare allarmismi, siamo preoccupati dal fatto che la requisizione a Ozzano potrebbe aprire la strada ad altri provvedimenti di questo tipo. E ciò in quei Comuni della Città Metropolitana ai quali era stato assicurato che, con l'adesione alla rete SPRAR, ci si sarebbe messi in qualche modo "al riparo" da interventi emergenziali", afferma Bignami. "E' evidente ormai che non è così e che non si sta nemmeno tentando di arginare l'emergenza. Che cosa accadrà quando tutti i Comuni avranno raggiunto la quota di accoglienza? E perché, se effettivamente ci sono Comuni soprasoglia già provati, si continuano a inviare nuovi profughi nei comuni sottosoglia invece, per esempio, di redistribuire quelli che già ci sono? Perché è chiaro che la famosa "sottosoglia" è solo una scusa, perché quando i Comuni avranno esaurito la quota, qualcuno all'ANCI negozierà con il Ministero una nuova quota (da 2,5 ogni mille abitanti sarebbe già passata a 3) e allora i Comuni saranno messi nuovamente in condizione di assorbire altri presunti profughi. Presunti, lo ribadiamo, perché quelli che ricevono lo status di rifugiato sono appena il 5%".

Torna su
BolognaToday è in caricamento