Olimpiadi 2032 Bologna-Firenze, Merola: 'Occasione, ma niente sbandate speculative'

Prende parola il primo cittadino dopo la proposta lanciata dall'omologo di oltre Appennino

Quello verso la candidatura ad ospitare le Olimpiadi sarà un percorso "ordinato, protetto da sbandate speculative e infrastrutture che non servono a un tubo. Per il pragmatismo dei sindaci, alla luce delle esperienze passate", questo aspetto "assicuro che sarà molto forte". È la promessa fatta dal primo cittadino di Bologna, Virginio Merola, che insieme al collega fiorentino Dario Nardella ha annunciato di voler tentare la scalata ai Giochi del 2032.

Olimpiadi Bologna-Firenze 2032, M5S smorza gli entusiasmi: 'Rischio speculazione'

Dal punto di vista delle infrastrutture, dice Merola ai microfoni di Radio Sportiva, si pone il tema di uno stadio per l'atletica ma anche di un impianto per il basket: insomma "sono diverse le questioni da approfondire", però quella delle Olimpiadi "è un'opportunità tra due sistemi regionali che sono saldamente in Europa".

E secondo il primo cittadino, non bisogna guardare solo a Bologna e Firenze in sè: le gare "non è che non le facciamo a Ravenna o a Modena per problemi di campanile", è l'esempio di Merola. Detto ciò, sarebbe "sicuramente un'opportunità per tutto il sistema sportivo- conclude il sindaco- avere un'impiantistica adeguata che poi resta sul territorio". (Pam/ Dire)

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il figlio di Vasco Rossi Lorenzo si è sposato: tutta la felicità in una foto

  • Cerca di fuggire dalla gazzella dei carabinieri con l'apecar: è ubriaco

  • Castenaso: morto Dino, il re della pasticceria

  • Tre appartamenti all'asta in via Amendola: il bando Invimit scade il 20

  • Incidente in via del Gomito, morto ciclista di 25 anni

  • Il figlio di Vasco Rossi oggi dice "sì": matrimonio a Crespellano per Lorenzo Rossi Sturani

Torna su
BolognaToday è in caricamento