Ospedale Vergato, FI: "La nuova chirurgia maxillo facciale non sia solo campagna elettorale"

Bignami: "Valutare riapertura reparti chiusi"

Dal 17 ottobre 2018 operano nell’ospedale di Vergato un chirurgo maxillo facciale e un chirurgo plastico entrambi dell’Ospedale Bellaria, per patologie traumatiche, mal formative, dismorfiche e oncologiche del massimo facciale e del cavo orale, neoformazioni cutanee del volto, patologie infiammatorie dei mascellari o semplici sinusiti, sia in età adulta che pediatrica.

“Una novità alla quale indubbiamente guardiamo con cauta soddisfazione – spiega il deputato di Forza Italia Galeazzo Bignami -. Auspichiamo nel contempo che non si tratti solo di uno spot elettorale. Negli ultimi 10 anni l’ospedale di Vergato ha conosciuto depotenziamenti e chiusure di reparti come chirurgia generale e, di recente, ortopedia. Tutto ciò senza alcun confronto preventivo con la cittadinanza. Inoltre da tempo l’ultimo piano dell’ospedale sarebbe completamente vuoto mentre il secondo risulterebbe ancora notevolmente depotenziato”.

“Bene allora la chirurgia maxillo facciale – conclude Bignami -, ma ci aspettiamo risposte definitive dalla Regione Emilia Romagna che deve dire quale sia il reale progetto per questo ospedale e soprattutto se intenda riconsiderare le scelte finora effettuate che hanno portato al depotenziamento del nosocomio, valutando la riapertura dei reparti chiusi, e quindi persi, negli ultimi anni”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Grave lutto per Cesare Cremonini: morto il papà Giovanni

  • Lutto all'Alma Mater: morto a 94 anni Alfonso Traina, professore emerito, filologo e latinista

  • Funerale Giovanni Cremonini, in centinaia per l'ultimo saluto al babbo di Cesare

  • Castel San Pietro, litigi frequenti nel bar mal frequentato: giù le serrande per 7 giorni

  • Piazzola sospesa per due giorni, gli ambulanti protestano

  • Incidente a Budrio: schianto tra auto alla Riccardina

Torna su
BolognaToday è in caricamento