San Donato. Borsari è il neo presidente. La promessa: "Priorità sicurezza, integrazione e multicultra"

Dalla sede di Piazza Spadolini l'ufficializzazione della presidenza di Borsari. Dopo i risultati del referendum tutti parlano di partecipazione attiva. Si lavora già per sicurezza e integrazione

Tantissimi i cittadini intervenuti al primo consiglio di quartiere a San Donato. Sala gremita, al tavolo tutti i consiglieri eletti, il Sindaco Virginio Merola e in platea Maurizio Cevenini. Simone Borsari comincia il suo discorso con un focus sulle priorità: “Promuovere l’integrazione e la multiculturalità con un’amministrazione che conta sulla partecipazione attiva dei cittadini, che sono informati e lo hanno dimostrato nell’ultimo referendum”.

La sicurezza diventa subito un argomento caldo: “Il disagio nel quartiere si sta acutizzando – continua il neo-presidente – non bisogna però cavalcare strumentalmente la paura, ma è necessario invece un confronto serio e un lavoro importante sulla prevenzione”. “Mi impegnerò – promette poi Borsari – e chiedo ai consiglieri di fare lo stesso. Non saremo prigionieri dei soliti giochi, adesso finalmente tocca a noi!”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

ALVONI. Gianluigi Alvoni, consigliere del Movimento 5 Stelle, punta alla riattivazione dei cittadini alla politica e ad adottare come metro di giudizio soltanto il merito: “Non siamo solo un movimento di protesta, ma anche di proposta. Attenzione alla questione sull’energia”.

GIOVANNINI. Andrea Giovannini, del Pdl: “Il quartiere San Donato non deve essere trascurato come è accaduto fino ad ora”.

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Laghi a Bologna: dove rinfrescarsi lontani dal caos

  • Incendio in via Sant'Isaia, morta una giovane donna

  • Covid, nuovo focolaio corriere Tnt: chiuso il magazzino, test per tutti i lavoratori della logistica

  • Coronavirus, aumentano i contagi in regione: + 71. Donini alle aziende: "Fate screening"

  • Coronavirus Emilia-Romagna: altri 47 casi. Metà a Bologna e 11 sintomatici

  • Dimesso dall'ospedale, torna e aggredisce operatore con calci e pugni

Torna su
BolognaToday è in caricamento