Referendum taglio dei parlamentari, si vota il 29 marzo: cosa c'è da sapere

Se il referendum confermasse la legge approvata, dalla prossima legislatura vi saranno 115 Senatori e 230 Deputati in meno. Tutte le info

Si terrà domenica 29 marzo 2020 il referendum confermativo della legge costituzionale che taglia il numero dei parlamentari, ma che nelle quattro letture parlamentari conformi non ha ottenuto la maggioranza qualificata necessaria per blindare il testo. 

Taglio dei Parlamentari: cosa dice la Riforma 

La cosiddetta "riforma Fraccaro", dal nome dal sottosegretario pentastellato alla presidenza del Consiglio, taglia 345 poltrone in Parlamento. Se il referendum confermasse la legge approvata dalla prossima legislatura vi saranno 115 Senatori in meno e 230 Deputati in meno. La legge infatti cambia il rapporto numerico di rappresentanza sia alla Camera dei Deputati sia al Senato:

- si passerà da 1 deputato ogni 96.006 abitanti a 1 deputato ogni 151.210 abitanti.
- si passerà da 1 senatore ogni 188.424 abitanti a 1 senatore ogni 302.420 abitanti
Se il referendum confermasse il taglio dei parlamentari il nuovo Parlamento sarà composto 200 Senatori e 400 Deputati.

Tuttavia non sarà immediatamente in vigore: sarà necessario ridisegnare i collegi elettorali e modificare le norme che regolano l'elezione del presidente della Repubblica, e poi sciogliere le Camere per indire nuove elezioni.

Voto dei cittadini italiani residenti all'estero

Gli elettori italiani temporaneamente all'estero per un periodo di almeno tre mesi, per motivi di lavoro, studio o cure mediche nonché i familiari con loro conviventi, potranno esercitare il diritto di voto per corrispondenza, ricevendo il plico elettorale contenente la scheda per il voto all’indirizzo di temporanea dimora all’estero.

È necessario inviare entro il 26 febbraio una domanda indirizzata al Sindaco del Comune di iscrizione nelle liste elettorali. La domanda, una volta presentata, può essere annullata entro lo stesso termine.
Il modulo di richiesta deve pervenire, accompagnato da una fotocopia di un valido documento di identità, a mezzo:

    posta elettronica all'indirizzo: ufficioelettorale@comune.bologna.it
    posta elettronica certificata all'indirizzo: ufficioelettorale@pec.comune.bologna.it
    recapitata a mano presso l'ufficio elettorale di piazza Liber Paradisus, 11 anche da persona diversa dall'interessato
    fax al numero 051 219 4221
 

Referendum sul taglio del Parlamentari: il quorum

In pratica, si chiede agli italiani se confermare o meno una legge di riforma costituzionale già approvata dal Parlamento. 

Nel referendum confermativo, detto anche costituzionale o sospensivo, si prescinde dal quorum, ossia si procede al conteggio dei voti validamente espressi indipendentemente se abbia partecipato o meno alla consultazione la maggioranza degli aventi diritto, a differenza pertanto da quanto avviene nel referendum abrogativo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ultraleggero precipitato ad Argelato: morto in ospedale il giovane pilota

  • Precipita con l'aereo, morto a 23 anni: chi era la vittima

  • Perdita d'acqua in via Indipendenza, negozi allagati e disagi al traffico | VIDEO - FOTO

  • Al Maggiore primo intervento al mondo di asportazione di colon e fegato eseguito con robot

  • Musica a tutto volume nel condominio, i carabinieri gli staccano la luce

  • Coronavirus, gli studiosi Unibo: "Potrebbe arrivare dal pangolino, trovati possibili farmaci"

Torna su
BolognaToday è in caricamento