Strage Ustica, nel giorno del ricordo familiari vittime: 'Si interroghi primo ministro libico'

Nel giorno del 32° anniversario dalla strage depositata un'istanza da parte dell'associazione dei parenti che ritiene Jalloud, per la posizione ricoperta all'epoca, al corrente di informazioni utili su cio' che accadde al DC-9 IH870

27 giugno 2012, 32° anniversario dalla Strage di Ustica, oltre tre decenni di dubbi, battaglie, ipotesi contraddittorie, sentenze e appelli in Tribunale. Sofferenza, quella di chi è sopravvissuti agli 81 passeggeri del Dc9 Itavia Bologna -Palermo, che si squarciò in volo per poi inabissarsi, portandosi dietro tante vite e la sua verità.

LA VERITA' DI JALLOUD. Nel giorno del ricordo, quella verità si continua a cercare. Sono i parenti delle vittime, raccolti in un'associazione, i primi a chiedere luce su quanto accaduto realmente. Così oggi verrà depositata da parte del loro legale un'istanza alla procura di Roma perché si interroghi l'ex primo ministro libico Abdel Salam Jalloud. L'associazione ritiene infatti che Jalloud, per la posizione ricoperta all'epoca, possa essere al corrente di informazioni utili a far luce su quello che accadde al DC-9 IH870 decollato da Bologna e diretto a Palermo. Per questo motivo, l'istanza chiede ai magistrati di attivarsi per rintracciare l'ex primo ministro libico.

CERIMONIA IN COMUNE PER RICORDARE. In occasione dell'anniversario domani il capoluogo felsineo si ferma e ricorda, stringendosi intorno all'associazioni 'Parenti delle vittime', i cui rappresentanti incontreranno il sindaco di Bologna Virginio Merola in una cerimonia di commemorazione a Palazzo d'Accursio. Presente anche il primo cittadino di Palermo, Leoluca Orlando. Interverrà  Daria Bonfietti, presidente dell'Associazione dei familiari. 

POLEMICHE MAI SOPITE. Ancora diatriba sulle cause della strage, nonostante gli oltre 3 decenni intercorsi. Chi avanzava l'ipotesi dell'esplosione di una bomba a bordo - come Carlo Giovanardi-è stato deluso dalla sentenza del Tribunale di Palermo, che ha bocciato la versione optando per 'una collisione o in volo o un missile'.
E dopo 31 anni dal disastro dal Processo palermitano è arrivata una maxicondanna per lo Stato, reo di 'non aver difeso la vita dei cittadini'. Responsabilità non accettato dal Governo, pronto al ricorso.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il figlio di Vasco Rossi Lorenzo si è sposato: tutta la felicità in una foto

  • Grave lutto per Cesare Cremonini: morto il papà Giovanni

  • Lutto all'Alma Mater: morto a 94 anni Alfonso Traina, professore emerito, filologo e latinista

  • Piazzola sospesa per due giorni, gli ambulanti protestano

  • Funerale Giovanni Cremonini, in centinaia per l'ultimo saluto al babbo di Cesare

  • Esce di casa e non torna, trovato di notte nel fiume

Torna su
BolognaToday è in caricamento