Fratelli d'Italia attacca Merola: "Incoerente, va in Comune con auto diesel"

Critiche dagli esponenti del partito di Giorgia Meloni che chiedono chiarimenti su posteggio e accesso Ztl

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...
 

Fratelli d'Italia non perdona al sindaco Virginio Merola di aver dichiarato in passato di voler andare al lavoro col bus 14 e ha realizzato anche un video per denunciare l'incoerenza del primo cittadino. E durante una conferenza stampa tenuta nel cortile del Municipio ha affisso un beffardo cartello con il numero 14 sulla Volvo grigia utilizzata da Merola.

"Non si capisce perché non usi le Panda a metano del Comune di Bologna - afferma Andrea Giovannini di Fratelli d'Italia - dovrebbe dare l'esempio e invece, nonostante le dichiarazioni fatte a gran voce, viene al lavoro tutti i giorni con un'auto diesel". Per l'ex consigliere comunale Lorenzo Tomassini, un atteggiamento irrispettoso, da condannare, per il quale si chiede chiarezza.

Davanti alla macchina parcheggiata, poi, l'esponente del partito di Giorgia Meloni si chiede il perché un'automobile, a gasolio, quasi 2mila di cilindrata e con cartello del Comune, sia ferma in un posteggio riservato a mezzi ibridi elettrici.

"A che titolo quest'auto è qui? - si domanda Tomassini - perché non viene multata? Come supera la barriera di Sirio? Sono interrogativi che lasciamo ai consiglieri comunali. L'auto - continua - non è più quella elettrica che era stata concessa qualche anno fa da Volvo: quell'accordo è scaduto. Il sospetto è che sia ammessa nella Ztl perché inserita nella cosiddetta lista di interesse pubblico. Vogliamo sapere se quest'auto sia davvero inserita in questa lista o se invece prende una multa al giorno". (Dire)

Potrebbe Interessarti

  • VIDEO| Ancora una violenta grandinata a Bologna

  • Maltempo, si apre voragine in strada / VIDEO

  • VIDEO| Abbandono rifiuti a Ozzano: il comune pubblica i video

  • Maltempo in Appennino, forte grandinata a Monzuno | VIDEO

Torna su
BolognaToday è in caricamento