Tumori dell’ipofisi, in Emilia Romagna primo Osservatorio regionale dell’acromegalia

ANIPI dà voce ai pazienti

È nato in Emilia Romagna ACROMER, il primo e unico Osservatorio regionale spontaneo sull’acromegalia, realizzato con la collaborazione tra le endocrinologie emiliano-romagnole e ANIPI Emilia Romagna, sezione di ANIPI - Associazione Nazionale Italiana Patologie Ipofisarie.

Nell’insieme l’analisi evidenzia uno scenario positivo, con una qualità dell’assistenza discreta. Qualche dato: sono circa 500 gli acromegalici in Emilia Romagna, 50 anni l’età media, una lieve preferenza della malattia per le donne, ben note le comorbidità associate, che potrebbero essere prevenute con trattamenti corretti, un approccio terapeutico-assistenziale che segue le linee guida nazionali.

Ma qualche ombra persiste: il notevole ritardo della diagnosi, che arriva dopo molti anni dalla comparsa dei primi sintomi, le difficoltà che un paziente complesso come l’acromegalico incontra durante i lunghissimi anni di follow up e qualche inciampo burocratico che ostacola in parte un fluido accesso ai farmaci innovativi.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Incidenti stradali

    Incidente a Borgo: investito sulle strisce, morto dopo giorni di agonia

  • Cronaca

    Offese razziste a Mihajlovic, Polizia Locale Roma indaga su agente

  • Cronaca

    Danni maltempo, indennizzi rinviati: fuori dal decreto crescita

  • Cronaca

    Maltempo, due frane a Loiano: strade chiuse

I più letti della settimana

  • Incidente a Pianoro, frontale Lamborghini-Minicooper: Futa bloccata

  • Terremoto in Appennino: scossa avvertita a Castel D'Aiano

  • Ragazza travolta dal bus: è grave in ospedale

  • Conclusa la Nuova Bazzanese, sabato l’apertura al traffico

  • Il Giro d'Italia torna nel bolognese: le modifiche alla viabilità

  • Incidente in porta Sant'Isaia: donna travolta e ferita dal bus, rischia una gamba

Torna su
BolognaToday è in caricamento