"C'è la neve, chiudete le scuole": ironia degli studenti, ma il Comune risponde

Scambio sui social tra i ragazzi e il profilo di Palazzo D'Accursio

Cade la neve e alcuni studenti non hanno aspettato molto per chiedere la chiusura delle scuole, subissando di messaggi -più o meno ben argomentati- il profilo Instagram del Comune. Palazzo D'Accursio però alla fine ha risposto a tono: "Cari studentesse e cari studenti, vi stiamo leggendo e vi capiamo anche. Del resto, chi non ha mai sognato la scuola chiusa per neve magari proprio il giorno della verifica?".

Il messaggio continua: "Per chiudere le scuole c'è bisogno di un'ordinanza del Sindaco: se c'è bisogno di un'ordinanza del Sindaco, vuol dire che c'è tanta neve, non 5-10 cm, oppure che non ci sono le condizioni di sicurezza necessarie".

Il profilo dell'amministrazione chiude poi la risposta, con tanto di emoticon: "Tutte queste condizioni non ci sono, c’è solo un po’ di neve come succede normalmente d’inverno in una città del nord come Bologna. Quindi, meglio studiare un po' e poi andare a letto. Le scuole domani sono aperte. Buonanotte!"

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Traffico illecito di rifiuti: scoperta una discarica abusiva a Budrio

  • Cronaca

    La mappa della criminalità a Bologna: "Reati zona per zona, monitorati da uno speciale database"

  • Cronaca

    Inseguimento a Santa Viola, volante blocca auto: tentata fuga fallita, un arresto

  • Cronaca

    Loiano, assalto alla Coop:rubata la cassaforte

I più letti della settimana

  • Tragico incidente sulla via Emilia: morto a 26 anni Luca Trevisani

  • Rapina alla Coop di Loiano: fanno irruzione e portano via l'incasso

  • Si masturba davanti ai bambini a scuola, maniaco seriale arrestato in flagranza

  • Anzola: fermano una prostituta e scoprono che è minorenne

  • Molesta e picchia la collega sul posto di lavoro: in manette 57enne

  • Movimento nel garage condominio: trovata con borsone pieno di armi

Torna su
BolognaToday è in caricamento