← Tutte le segnalazioni

Degrado urbano

In risposta all'articolo "dehors via Petroni parte la diffida"

Via Giuseppe Petroni · Zona Universitaria

Buongiorno, pare che siate sempre solo disposti a pubblicare ciò che mette in cattiva luce le attività commerciali di via Petroni e faccia pubblicità ai vertici del comitato dei residenti pertanto spero mi vogliate dimostrare almeno per questa volta il contrario pubblicando la mia lettera e le foto allegate. Siamo stanchi che anche i giornali si limitino sempre solo ad ascoltare una delle campane, senza nemmeno accertarsi della veridicità delle notizie pubblicate.

Questa volta la questione sollevata è la presunta irregolarità dei dehors di via Petroni che sinceramente di fronte alle reali problematiche della zona pare veramente solo uno pretesto per accreditarsi una poltrona in comune.

Allego le foto di alcuni dehors del centro storico non situati in via Petroni per dimostrarvi che le presunte irregolarità che dovrebbero portare alla rimozione degli stessi in via Petroni sono in realtà presenti ed anche maggiori nel resto del centro storico, dove però pare non disturbino nessuno. Inoltre vorrei sottolineare che la diffida fatta dal sig. Sisti pare riguardare solo i dehors dei locali con apertura serale in quanto sempre in via Petroni è presente il dehors di un locale che apre solo a pranzo e che nonostante non sia conforme alle normative non è menzionato nella diffida (foto 1). Due pesi due misure! (Per altro il locale in questione è a pochi passi dall'abitazione del Sig.Sisti, quindi non mi si dica che gli è sfuggito!)

Siamo stanchi di dover lottare per avere gli stessi diritti che al resto di Italia sono garantiti! Siamo stanchi di dover lottare per poter lavorare! Siamo stanchi di aver a che fare con persone che pur di ottenere il proprio personale tornaconto sono disposti a mandare in rovina molte famiglie e a dire il falso senza il minimo peso sulla coscienza!

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Segnalazioni popolari

Torna su
BolognaToday è in caricamento