Caro-affitti e studenti, lo sfogo di una mamma:"I miei figli devono rinunciare ai loro progetti?"

La donna, rammaricata, ha scritto anche al sindaco: "I miei figli dovranno rinunciare ai loro progetti?" parlando di truffe e imbrogli senza però dare dettagli sulle problematiche che ha riscontrato cercando una casa.

Una lettera arrivata a BolognaToday dalla mamma di due ragazzi che vorrebbero studiare a Bologna, ma che per il momento non possono farlo perchè non trovano un alloggio adatto. "Adatto" dal punto di vista economico, visto che la loro famiglia monoreddito non può disporre di un budget compatibile alle proposte del mercato immobiliare.

La donna, rammaricata, ha scritto anche al Sindaco: "I miei figli dovranno rinunciare ai loro progetti?" parlando anche di truffe e imbrogli senza però dare dettagli sulle problematiche che ha riscontrato cercando una casa. 

"Salve,

sono una mamma disperata che cerca una casa dignitosa per due figli che studiano (o meglio, vorrebbero studiare) a Bologna. Io mi chiedo come mai i mezzi di comunicazione non riportano i gravi disagi che incontrano gli studenti che sono iscritti all'università Alma Mater di Bologna nel cercare una casa da abitare per vivere l'università e la città.

Mesi e mesi di ricerche estenuanti, truffe imbrogli vari, le soluzioni sono gli affitti brevi a prezzi esorbitanti per famiglie monoreddito che fanno sacrifici per far studiare i propri figli e naturalmente non possono permettersi questi costi. Dove sono i sostegni a questo problema, mettendo da parte l'Ergo (Er.Go è l'Azienda Regionale per il Diritto agli Studi Superiori dell'Emilia Romagna ndr) con le sue disponibilità naturalmente non in grado di coprire l'intera utenza dov'è chi si deve interessare a risolvere questo dilemma?

Mi sembra di capire che la cosa sia sottovalutata, ed intanto centinaia di studenti pubblicano annunci di ricerca di abitazioni varie, disperati chiedono alloggi momentanei per poter sostare qualche notte, scoraggiati, sconfitti, demoralizzati, stanchi, uno spreco di energie che dovrebbero essere convogliate nello studio. Perchè tutta questa difficoltà, perchè tutto questo disinteresse da parte delle autorità? Ho scritto una lettera al Sindaco, non ho ricevuto risposta, questa mattina ho scritto di nuovo. La soluzione è che i ragazzi vadano a studiare altrove rinunciando ai loro progetti?" G.C. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sente rumori sospetti in casa e spara, ucciso un uomo

  • Scomparso nella notte, ritrovato morto in un campo

  • Whoopi Goldberg a Bologna: da Hollywood alle osterie del centro

  • Lega: "A Bologna party universitario blasfemo, intervenga il Rettore"

  • Morti in incidenti stradali: Bologna la più colpita, diventa obbligatorio l'alcol-lock

  • Rifiuti, stop indifferenziata porta a porta: da oggi si usa solo la Carta Smeraldo

Torna su
BolognaToday è in caricamento