Basket, Kobe Bryant: "Mi piacerebbe giocare in Italia". Bologna spera

Mentre in America si lavora per eliminare la possibilità del lockout Nba, qui in Italia si spera di vedere la stella dei Los Angeles Lakers veder calcare i paruqet nostrani. La trattativa con la Virtus prosegue

Se in Italia vediamo scorrazzare Kobe Bryant in giro tra Milano e Roma, in America tutto il mondo del basket lavora per evitare il lockout. Secondo il network Espn, domani a New York sono in programma incontri cruciali nella trattativa tra proprietari e sindacato dei giocatori sul rinnovo del contratto collettivo. Il commissioner della Nba, David Stern, ha evidenziato che dopo circa 90 giorni di paralisi la posta ora è altissima: "Facciamo entrare in campo i due comitati, vediamo se si riesce ad avere una stagione o no". Le trattative proseguano per tutto il weekend nel tentativo di compiere un passo decisivo verso la fumata bianca. Fumata che vorrebbero nera, invece, molti tifosi della Virtus Bologna che sognano di vedere con la canotta delle Vu nere Kobe Bryant

IL PASSAGGIO ALLA VIRTUS - Kobe è qui in Italia non solo per il tour promozionale ma anche per una trattativa che ha del clamoroso. Questa notte c'è stata una nuova conference call tra la Virtus Pallacanestro Bologna e gli agenti di Kobe Bryant. Da loro il patron bianconero Claudio Sabatini si aspetta una risposta all'offerta da 2,5 milioni di dollari per poco più di un mese (dal 9 ottobre al 16 novembre per 10 partite) messa sul piatto dell'asso Nba. I contatti con gli agenti di Bryant sono proseguiti anche nel pomeriggio e Sabatini, parlando con l'Ansa, ha definito l'appuntamento della notte "molto importante". Una risposta è attesa, ha sottolineato, "anche per capire i margini di manovra dell'operazione".

IL BRYANT PENSIERO - "Giocare in Italia? È molto possibile, sarebbe un sogno per me. C'è un'opportunità e ne stiamo parlando proprio in questi giorni». È quanto detto il campione dei Lakers Kobe Bryant intervistato dalla Gazzetta dello sport nella sede di via Solferino a Milano. "Vediamo cosa succederà - ha detto nel suo perfetto italiano - oggi non ci sono novità, magari domani. È un grandissimo onore per me ritornare in Italia, è casa per me", ha aggiunto Bryant.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

C'E' L'OK DI MENEGHIN - Per portare Kobe Bryant a Bologna si muove anche la Federbasket. "La speranza è quella di poterlo vedere giocare qui - ha detto Dino Meneghin ai microfoni di Radio Sportiva -. Sabatini è un presidente vulcanico, ha avuto questa splendida idea sarebbe un colpo incredibile. Incrociamo le dita, ovviamente noi faremo il possibile per favorire questa soluzione. È un onore vederlo in Italia a parlare di basket, avere la possibilità di parlare con lui è già tanto . Lo ricorda bene l'italiano è vissuto qui da bambino quando suo papà giocava a Rieti e Reggio Emilia. Ricordo quando ebbi la possibilità di fargli da guida per lo street ball a fine anni Novanta".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus Bologna e provincia, bollettino 2 aprile: i dati comune per comune

  • Coronavirus Emilia Romagna, bollettino 30 marzo: contagi +412, 95 morti

  • Coronavirus Bologna e provincia, bollettino 31 marzo: i dati comune per comune

  • Coronavirus Bologna e provincia, bollettino 3 aprile: i dati comune per comune

  • Coronavirus Bologna e provincia, bollettino 4 aprile: i dati comune per comune

  • Coronavirus Emilia Romagna, bollettino 2 aprile: +546 contagi, si contano ancora 79 morti

Torna su
BolognaToday è in caricamento