Bologna, Bisoli: "Contro la Juve serve una sterzata"

Il tecnico dei rossoblu si prepara al difficile match di domani sera allo Juventus Stadium. Bisoli vuole dare un calcio alla sfortuna ma rincia a Raggi, out per tre settimane per guai alla spalla

Dopo due ko il Bologna prova a ritrovare il sorriso. Mercoledì la gara è di quelle difficilissime, contro la Juventus di Antonio Conte, nel nuovo impianto dello Juventus Stadium. Pierpaolo Bisoli vuole fare un calcio alla mala sorte e cambiare marcia: "Bisogna trovare gli stimoli. Giochiamo contro una grande squadra, in un bellissimo stadio. Noi dobbiamo mettere un mattoncino alla volta, con grande sacrificio. Provare a dare questa sterzata". Perchè fino ad ora i suoi hanno sì perso, sì giocato male, ha ammesso. Ma hanno avuto, secondo il maniacale tecnico, anche molta sfortuna: "La partita con il Lecce l'ho rivista sei volte. Non c'è stato nessun episodio favorevole per noi, solo una cappa nera". Così l'entusiasmo che aveva riempito il gruppo nel pre-campionato si è ben presto sgonfiato. E ora si fa fatica a capire dove andarlo a ritrovare. Anche perchè all'orizzonte, dopo la Juve, ci sono altre due partite toste, con l'Inter e poi con l'Udinese. Bersagliato di fischi del suo pubblico dopo la disfatta con il Lecce, Bisoli chiede clemenza: «I fischi sono giusti, ma siamo stati lapidati dopo solo 180'. Ci vuole pazienza". Per aiutare la squadra a scacciare la tensione: "Dobbiamo bere un brodino, perchè ogni partita è un macigno". E andando a caccia del furore agonistico perduto: "Questa fino adesso, non è stata la mia squadra, non è stata la squadra di Bisoli. Con il Lecce nel secondo tempo abbiamo fatto pochissimi falli, eravamo scarichi". Obbligato anche dagli infortuni, il Bologna cambierà mezza difesa a Torino, con Casarini terzino destro e lo svedese Antonsson in mezzo. Davanti, probabile che Di Vaio sia sostenuto da Ramirez, con Diamanti esterno a centrocampo. Una formazione coperta per ritentare la partita storica di febbraio, quando i rossoblù in piena crisi societaria, vinsero in casa della Juve dopo 30 anni. Ora basterebbe anche un punto per risollevare il morale: "Tanto lo so: l'unica medicina sono i risultati", ha tirato le somme l'allenatore. La squadra ha terminato l'allenamento presso il centro tecnico "Galli" e si prepara a partire per Torino in vista della gara di domani sera contro la Juventus. Gli esami ai quali è stato sottoposto Loria hanno escluso complicazioni: il giocatore osserverà qualche giorno di terapia. Problemi alla spalla per Raggi: gli esami hanno evidenziato una lussazione acromion-claveare alla spalla destra. I tempi di recupero sono previsti in tre settimane. Allenamento differenziato per Gimenez e Cherubin. Terapie per Taider.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I 4 borghi medievali più belli nella provincia di Bologna

  • Dai colli al centro città, i sette parchi più belli di Bologna

  • Basilica di San Petronio, la chiesa più grande di Bologna: 7 cose da sapere

  • Saggezza popolare: i proverbi più amati dai bolognesi

  • Le vie di Bologna dai nomi più strani e il loro significato, che non tutti conoscono!

  • Coronavirus fase 3 | Fiere, congressi, vacanze di gruppo e viaggi in auto: Bonaccini sigla nuova ordinanza

Torna su
BolognaToday è in caricamento