MANIFESTAZIONI, manifestazioni

  • Sciopero Telecom 30 giugno: i lavoratori scendono in piazza anche a Bologna

  • Scuola, oggi a Bologna corteo contro la Riforma Renzi

  • Reuinon, oggi gran finale con derby storico: ‘fortitudini vs virtussini’

  • Bologna Pride 2015: l’orgoglio lgbt sfila in centro il 27 giugno

  • Giornata mondiale dello Yoga ai Giardini Margherita

  • Preghiera no-aborto in Piazza San Domenico: centro storico "off-limits"

  • Budrio: 'Rose in Festa' all'Accademia dei Notturni

  • L'orgoglio rom-sinti sfila in corteo: da Manconi a Frascaroli, in tanti con loro

  • Domani il corteo dei Sinti e dei Rom. Casadio: "Alcuni di noi hanno paura di scendere in piazza"

  • Rom e sinti, Merola: 'Situazione campi sotto controllo e nessun regalo a queste persone'

  • Rom e sinti, la proposta: eleggere Bologna 'capitale europea della nostra cultura'

  • Corteo rom e sinti: il Comune vieta i 'banchetti', ma proliferano le contro-manifestazioni

  • FOTONOTIZIA. Movimento 5 Stelle, Marcia Perugia-Assisi: 'Bulagna l'è què'

  • Manifestazione Rom: 'Bella occasione per Bologna, accogliente e antifascista"

  • Corteo Rom a Bologna, annunciate contro-manifestazioni: Comune vieta anche i banchetti ai politici

  • Lavino in festa: eventi per grandi e piccini

  • Rom e sinti in Piazza il 16 maggio: pronte le contro-manifestazioni

  • Budrio: Primaveranda 2015, due settimane di eventi dedicati al buon cibo

  • 'Sentinelle in piedi' in Piazza Santo Stefano: 'Condizionare le scelte dei nostri legislatori

  • Piazza S.Stefano blindata per le Sentinelle in piedi: "Timore contestazioni, questa sarebbe democrazia?"

  • Sentinelle in piedi in Piazza Santo Stefano: oggi anche la contro-manifestazione

  • In 300 a Bologna contro le scie chimiche: "Un pericolo per noi e per l'ambiente"

  • Manifestazione Nazionale contro le 'scie chimiche': corteo e flash mob a Bologna

  • Manifestazione Rom e Sinti, Fratelli D'Italia: 'Presidio a difesa degli italiani discriminati'

  • Rom e sinti, scendono in piazza vs il rischio di un "nuovo olocausto"