Pagamento pubblica amministrazione: via il MAV, arrivano gli “avvisi pagoPA”

Da marzo 2019 il Comune ha abbandonato l'utilizzo dei bollettini bancari per la riscossione delle tariffe. Cosa c'è da sapere

"L'abbandono dei MAV (pagamento Mediante Avviso - ndr) risponde a un obbligo di legge. Su Iperbole i cittadini possono trovare tutte le informazioni per scegliere lo strumento di pagamento più adatto alle proprie esigenze".

Lo annuncia l'assessore al Bilancio Davide Conte, dopo l'deguamento da parte del Comune di Bologna al Codice dell'Amministrazione Digitale e l'adesione a pagoPA, il sistema di pagamenti elettronici realizzato dall'Agenzia per l'Italia Digitale (Agid)-

Da marzo 2019 il Comune ha abbandonato l'utilizzo dei bollettini bancari per la riscossione delle tariffe dei servizi a domanda individuale (servizi scolastici, servizi agli anziani, servizi ai disabili, servizi sportivi), adottando il nuovo "avviso pagoPA".

Questa innovazione era stata comunicata alle famiglie in autunno, nella lettere riepilogative degli importi annuali delle tariffe per i servizi richiesti. In questi giorni le famiglie stanno dunque ricevendo i primi avvisi pagoPA, consegnati da Poste Italiane, il nuovo concessionario per il recapito dei bollettini selezionato tramite gara sulla piattaforma Intercent-ER.

Il nuovo documento di riscossione contiene un codice avviso univoco di versamento di 18 cifre che può essere pagato attraverso differenti strumenti e piattaforme:

  • sito web del Comune di Bologna, nella sezione "pagamenti" dei "Servizi Online", tramite carte, conto corrente e altre modalità indicate;
  • home banking (cercare pagoPA o CBILL);
  • sportelli bancomat ATM abilitati;
  • agenzie bancarie;
  • uffici di Poste Italiane;
  • punti vendita di SISAL, Lottomatica e ITB;
  • APP fornite dai prestatori di servizi di pagamento tramite internet e presso tutti gli altri operatori che hanno già aderito al sistema pagoPA o vi aderiranno nel tempo;
  • sportelli DIMMI ubicati presso le sedi dei quartieri.

I pagamenti attraverso canali diversi dal portale "Servizi Online" del Comune o dal DIMMI devono essere eseguiti attraverso le funzioni messe a disposizione dalle banche e dagli altri Prestatori di Servizi di Pagamento (PSP) espressamente per lo specifico pagamento degli avvisi pagoPA.

Il pagamento presso il portale web del Comune richiede l'inserimento del codice fiscale dell'intestatario dell'avviso e il codice dell'avviso. In generale è possibile il pagamento presso i PSP anche in assenza del documento cartaceo fornendo il codice avviso e l'identificativo del Comune, che sarà, a richiesta del prestatore di servizi, il codice fiscale del Comune 01232710374 oppure il codice A79WE per la modalità CBILL.
In caso di incertezze, prima di eseguire qualsiasi pagamento, è bene rivolgersi alla banca o al PSP per conoscere il percorso corretto di pagamento nel "nodo pagoPA".

PagopPA: cosa c'è da sapere

La transazione sulla piattaforma pagoPA può essere soggetta a commissioni, che variano a seconda dei canali e dei metodi di pagamento utilizzati.
Sul portare "Servizi Online" del Comune, accedendo con il codice fiscale dell'intestatario dell'avviso e il codice dell'avviso, è possibile verificare in modo trasparente le commissioni applicate a seconda dello strumento di pagamento, per permettere agli utenti di scegliere l'operatore e la modalità più conveniente.

In seguito al pagamento verrà emessa una ricevuta dell'esito della transazione, da conservare quale liberatoria del pagamento effettuato.
L'elenco degli operatori (PSP) e dei canali abilitati a ricevere pagamenti tramite pagoPA, nonché tutte le informazioni relative alla piattaforma pagoPA sono disponibili alla pagina web dedicata.  

Per coloro che utilizzano come metodo di pagamento l'addebito sul conto corrente (SEPA SDD) la modalità di riscossione rimane invariata: il saldo del debito viene sempre prelevato nel giorno della scadenza del documento. La possibilità di attivare il pagamento dei servizi tramite addebito diretto in conto corrente rimane infatti invariata, come indicato nella pagina web dedicata, con l'esclusione dei servizi sportivi.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Grave lutto per Cesare Cremonini: morto il papà Giovanni

  • Lutto all'Alma Mater: morto a 94 anni Alfonso Traina, professore emerito, filologo e latinista

  • Funerale Giovanni Cremonini, in centinaia per l'ultimo saluto al babbo di Cesare

  • Piazzola sospesa per due giorni, gli ambulanti protestano

  • Incidente a Budrio: schianto tra auto alla Riccardina

  • Esce di casa e non torna, trovato di notte nel fiume

Torna su
BolognaToday è in caricamento